Emiliano: troppe aziende e famiglie stanno ricorrendo agli usurai, le mafie la pagheranno cara

Emiliano: troppe aziende e famiglie stanno ricorrendo agli usurai, le mafie la pagheranno cara

22 Maggio 2020 0 Di ladiretta1993

“La mia prima sede di servizio e’ stata la procura di Agrigento e ho avuto l’onore di conoscere Giovanni Falcone e ho lavorato al fianco di Rosario Livatino che era il sostituto anziano, che mi ha insegnato il mestiere. Io ero un giovane magistrato che non aveva neanche il coraggio di parlare davanti a Falcone che invece spesso si dedicava a noi con molta attenzione perché sapeva che il futuro della lotta alla mafia camminava sulle gambe dei giovanissimi magistrati che arrivavano in Sicilia”.

Lo ha detto il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano in collegamento con la trasmissione Mattino 5, ricordando la figura di Giovanni Falcone, il giudice ucciso dalla mafia il 23 maggio di 28 anni fa a Capaci. “Erano persone umanamente meravigliose, non dovete immaginarli come marziani, distaccati e severi. Tutt’altro” ha continuato il governatore che ha poi annunciato che nei prossimi giorni si terra’ “un vertice organizzato e richiesto da me con tutti i prefetti e i procuratori distrettuali antimafia per valutare che sta accadendo”.

Il riferimento è all’allarme usura che sta travolgendo le piccole e medi imprese carenti di liquidità e le famiglie in stato di bisogno come confermato dalle denunce fatte dai finanzieri di Bari negli ultimi giorni. Il timore e’ che la criminalità organizzata possa infiltrarsi nelle maglie del sistema produttivo pugliese. “Se qualcuno si aspetta di colpirci alle spalle approfittando di una pandemia la pagherà cara come l’hanno pagata cara dopo l’attentato vigliacco di Capaci”, ha concluso.

Annunci