Riapre il mercato settimanale, Angarano: una serie di prescrizioni, solo in via sperimentale e condizionata

Martedì 26 maggio riaprirà, dalle ore 8 alle 12:30, il mercato settimanale, sia per la vendita di generi alimentari che di generi non alimentari. L’Amministrazione Comunale, di concerto con le Associazioni di categoria Confcommericio, Confesercenti, Mercatincittà e Casambulanti, ha ridefinito la planimetria dell’area mercatale con una disposizione degli stalli che limiti il rischio di assembramenti.

Gli ingressi saranno due: da corso Umberto e da via Seminario (incrocio con Via Martiri di Via Fani) con due uscite, entrambe in via Giuliani. L’area mercatale sarà opportunamente delimitata da recinzioni e transenne mobili presidiate. Non sarà possibile l’accesso da altri varchi, eccetto ovviamente i mezzi di soccorso.

Le associazioni di categoria si sono impegnate a collaborare con personale che sarà incaricato dagli operatori economici interessati a vigilare sul numero di presenze contemporanee degli avventori per evitare assembramenti nel rispetto delle distanze di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Per la stessa finalità è stato previsto un presidio di agenti di Polizia Locale. Gli operatori commerciali dovranno adottare tutte le misure atte ad evitare assembramenti di utenti in prossimità del loro punto vendita attraverso l’utilizzo di biglietti numerati o di personale che farà rispettare la distanza interpersonale. Tutti gli addetti ai lavori dovranno indossare guanti e mascherine e dovranno imporre agli acquirenti il divieto di toccare i prodotti in vendita senza l’uso di guanti monouso.

“Abbiamo svolto un lungo lavoro di confronto e concertazione insieme alle associazioni di categoria”, ha sottolineato il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano. “Abbiamo fatto il possibile per disporre la riapertura in sicurezza affinché si potesse dare ossigeno alla categoria degli ambulanti, in grave difficoltà in questa emergenza. Dobbiamo ripartire per rimettere in moto la nostra economia ma è opportuno ricordare che dobbiamo farlo in sicurezza, senza mettere in pericolo la salute pubblica. Per questo, con gli operatori, abbiamo condiviso una serie di prescrizioni che garantiscano lo svolgimento del mercato in sicurezza. Sarà una riapertura sperimentale e condizionata. Se dovessero insorgere problemi sul rispetto delle misure per la prevenzione e il contenimento del contagio da Covid-19 siamo pronti ad intervenire con correttivi organizzativi e, se necessario, anche a richiudere il mercato. Per questo raccomando a tutti, operatori e clienti, la massima responsabilità: non sprechiamo questa opportunità”, ha concluso il Sindaco Angarano.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Dalle estorsioni al caporalato, anche la Bat nella geografia criminale disegnata dall’Antimafia pugliese

Sacra Corona Unita, compagini baresi e mafie foggiane. Questo il quadro attuale della “geografia criminale pugliese” articolata in “tre macro-configurazioni criminali” e analizzata nella relazione sulla ‘Diffusione delle varie forme di criminalità organizzata nella Regione Puglia’, approvata dalla Commissione parlamentare Antimafia sul finire della scorsa legislatura e ora resa pubblica. La Sacra Corona Unita è […]

Shoah, Silvestris organizza un momento di commemorazione: “Per non dimenticare”

Stasera giovedì 26 gennaio alle ore 19 in via della Giudecca (alle spalle della Chiesa di San Domenico,nel centro storico) terremo un momento di commemorazione e riflessione sull’olocausto, nella vigilia del giorno della memoria. «Ricorderemo l’orrore della Shoah, la presenza ebraica a Bisceglie e le vicende accadute nella nostra città a seguito delle leggi razziali. […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: