Napoletano: «Con 43 punti di debiti fuori bilancio ecco convocato il Consiglio comunale dei morti»

Il consigliere comunale Franco Napoletano ha pubblicato una nota sul suo profilo Facebook riguardante la riunione della massima assise cittadina in programma a fine mese. La pubblichiamo di seguito.
Il Consiglio Comunale di Bisceglie è stato convocato per sabato 31 ottobre alle ore 10 (!), in prima convocazione e per lunedì 2 novembre, sempre alle ore 10 (!).
Il 31 ottobre è la festa di Halloween, una “stupida americanata” che non ha niente a che vedere con le nostre tradizioni italiane.
Ma, a pensarci bene, ben si adatta ai nostri attuali amministratori, la cui incapacità fa davvero paura!
D’altronde…. con tutte quelle zucche, poteva essere diversamente?
Il 2 novembre, invece, è, notoriamente, il giorno dedicato alla commemorazione dei defunti.
“Ognuno a da fà ‘sta crianza”, come scriveva Totò nella “A livella”.
I nostri amministratori, purtroppo, ‘sta crianza non la vogliono fare, in considerazione del mortorio e del degrado a cui stanno condannando la Città da più di due anni a questa parte.
Se leggiamo la convocazione del Consiglio, scopriamo che lo stesso Consiglio è stato convocato “al fine di adottare le misure idonee a prevenire e contenere la diffusione del COVID-19”.
Il consigliere comunale fiducioso ed il cittadino speranzoso avranno pensato :”Una cosa buona. Finalmente si sono decisi ad affrontare il problema in un clima di coesione di fonte a questo grave problema che coinvolge anche Bisceglie”.
Ignari!
Scorri l’ordine del giorno, alla ricerca di un punto che rimandi ai provvedimenti da adottare contro la diffusione del virus e non lo trovi.
Su 48 punti all’ordine del giorno, troviamo ben 43 punti relativi ad altri numerosi debiti fuori bilancio (sappiamo che questi punti sono stati costretti a portarli, ma tanti altri e milionari debiti fuori bilancio non li portano, con ripetute e continue violazioni di leggi, penali e contabili).
Gli altri 5 punti sono relativi al bilancio 2020 (un altro piccolo sforzo ed i nostri geni contabili lo avrebbero portato il 31 dicembre!) ed affini.
Quindi, si può, a buona ragione, ritenere che “le misure idonee a prevenire e contenere la diffusione del virus COVID-19” siano costituite dai numerosissimi debiti fuori bilancio (!), l’unico settore in cui questi amministratori e questo sindaco sembrano eccellere.
Con il bene placido dei super dirigenti (i veri amministratori del Comune di Bisceglie, insieme alle cabine di regìa esterne).
Con tutti questi numerosissimi debiti fuori bilancio, altri due anni e mezzo e manderanno in pre-dissesto, se non in dissesto vero e proprio, il Comune.
Dopo di che, non vorrei essere nei panni di chi dovrà sanificare il Comune dai danni arrecati da questi amministratori lockdown.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Estate Biscegliese, le precisazioni dell’ass. Bianco: «Abbiamo preferito sostenere le realtà locali»

“Noi ci rendiamo conto che i metodi siano ben diversi rispetto al passato ma non è una buona ragione per polemizzare e mistificare la realtà. Prima si spendevano decine di migliaia di euro per singoli eventi che non sempre portavano valore aggiunto alla Città. Ora si usa un metodo trasparente e concertativo che, al netto […]

Green Pass, Lopalco: Si sta abusando della parola “libertà”

“Da quando il Governo ha sacrosantamente sancito l’uso del cosiddetto green pass per evitare chiusure generalizzate a fronte della ripresa della circolazione virale, la parola più bella che conosciamo, la parola libertà, è stata più che mai vittima di abuso”. Lo dice l’assessore pugliese alla Sanità, Pier Luigi Lopalco commentando l’introduzione del Green pass in […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: