De Toma: Chiusura scuole, grossa batosta

Oggi sono ritornato nella mia vecchia scuola, non vi nascondo l’emozione indescrivibile nel risedersi tra quei banchi.

Allo stesso tempo sono stato colpito da un forte senso di amarezza, poiché ho visto una scuola oramai spersonalizzata a causa dell’emergenza covid-19.

Una scuola senza studenti non è più scuola e così viceversa, la didattica in presenza è fondamentale per garantire ad ogni singolo studente una preparazione adeguata, così come sancito dall’art. 34 della nostra costituzione.

Le scuole hanno avuto sulle loro spalle una pressione sociale non indifferente, nonostante i vari tagli che hanno contraddistinto la politica italiana negli ultimi decenni.

È evidente come la Dad non possa sostituire la  didattica fatta in presenza, le cause sono molteplici, sicuramente la mancanza di interloquire in maniera diretta con i propri docenti e compagni, ma anche socializzazione, confronto;quei piccoli momenti che fanno la differenza e rimangono per sempre nelle nostre vite, le gite, le risate in classe e fuori, il personale Ata sempre pronto ad ascoltarti e risolvere il problema , l’ansia per un compito e così via

Un grazie va sicuramente ai docenti che svolgono un lavoro prezioso ogni singolo giorno.
“La scuola è il nostro passaporto per il futuro, poiché il domani appartiene a coloro che oggi si preparano ad affrontarlo.”
Alberto De Toma 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Orto Schinosa, associazione oratoriani all’Amministrazione: destinato a coltivare ortaggi? C’era un altro progetto…

Qualche tempo fa era corsa voce  che per  l’Orto Schinosa esistesse un progetto che lo destinava a luogo dove coltivare ortaggi. Se la voce rispondesse al vero, sarebbe proprio il caso di dire che  la montagna ha partorito il topolino o, nella fattispecie, qualche chilogrammo di ortaggi. Dunque,  un luogo storico di Bisceglie che rappresenta […]

Soldani (Ordine Commercialisti): «Proroga scadenze fiscali al 10 dicembre inutile e dannosa»

I commercialisti italiani non ci stanno. E tengono altissima l’attenzione su un problema attuale che rischia di trascinarsi per anni trasformandosi in lunghissimi contenziosi con l’amministrazione centrale. Invece, basterebbe un pizzico di lungimiranza e di visione strategica per venire incontro alle esigenze di una categoria professionale che da sempre è cerniera di congiunzione tra cittadini, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: