Tar respinge ricorso Bilancio, Angarano chiarisce: «Sentenza perentoria, spazza via tutte le accuse»

Il Tar Puglia ha respinto, pronunciandosi definitivamente nel merito, il ricorso dei consiglieri comunali di opposizione Francesco Spina, Vincenzo Amendolagine, Enrico Pasquale Capurso, Francesco Napoletano, Giorgia Maria Preziosa, Alfonso Russo sulla riadozione del bilancio 2019-2021 e degli atti correlati.

“Nel merito, il ricorso principale è infondato e, pertanto, va respinto”, si legge nella sentenza del Tribunale Amministrativo. “In definitiva, i ricorrenti hanno finito per sovrapporre e, talvolta, addirittura confondere gli ammissibili profili di legittimità procedurale connessi alla rinnovazione dell’approvazione degli atti annullati con gli inammissibili profili di legittimità giuridico-sostanziale degli atti nei quali si è sostanziata la riedizione dell’esercizio del potere amministrativo”, è scritto nella sentenza del Tar.

“Parimenti infondato è il secondo motivo, con il quale si è lamentata la violazione del termine (di 5 giorni, effettivamente concesso ai consiglieri comunali) per la formulazione degli emendamenti al DUP e alla relativa nota di aggiornamento”, si legge ancora nella sentenza del Tar. “Non vi è, quindi, evidenza di compromissione delle prerogative di esercizio della funzione consiliare, né è stata allegata prova di un impedimento – giuridico o materiale – che altri consiglieri comunali avrebbero subìto. È, invece, provato che i consiglieri hanno avuto la possibilità di presentare i propri emendamenti al DUP […]: emendamenti, nella specie, esaminati. È, dunque, provata la concessione di termini congrui – non fissati in via preventiva, ma rimessi ad una valutazione di congruità – sia per il DUP che per la relativa nota di aggiornamento”.

La sentenza esamina così punto per punto tutti i motivi proposti dai consiglieri comunali, tutti giudicati come infondati o inammissibili o inaccoglibili, compresi i motivi aggiunti.

“L’infondatezza di tutti i motivi aggiunti depone, conseguentemente, per il rigetto dell’impugnazione della deliberazione di C.C. n. 28 del 12.3.2020, avente ad oggetto la rinnovazione dell’approvazione del bilancio consolidato per l’esercizio 2018, con allegata relazione sulla gestione (comprendente la nota integrativa)”, si legge nella sentenza. “L’infondatezza dei motivi del ricorso principale determina il rigetto della domanda di annullamento, per illegittimità derivata, dei provvedimenti impugnati con ricorso per motivi aggiunti. In conclusione, il ricorso principale e il ricorso per motivi aggiunti vanno respinti”.

“Una sentenza perentoria, chiara e netta che sancisce, con passaggi molto duri nei confronti dei ricorrenti, l’infondatezza del ricorso presentato dai sei consiglieri comunali di opposizione”, commenta il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano. “Nella sentenza c’è una lunga serie di espressioni come ‘infondato’, ‘parimenti infondato’, ‘infondatezza’, ‘neppure fondata è’, ‘non merita accoglimento’, ‘non è stato provato’, ‘neppure persuasivo è il rilievo’: dichiarazioni davvero significative. La sentenza conferma dunque pienamente e chiaramente la correttezza, la legalità e la legittimità dell’operato dell’Amministrazione. Decade così totalmente il ritornello di questi mesi dei ricorrenti che avrebbero voluto dimostrare una presunta incapacità politico-amministrativa a più riprese declamata e sbandierata come slogan elettoralistico, senza pensare agi effetti che si sarebbero riflessi sui servizi ai cittadini. Decadono le ripetute accuse di illegittimità e illegalità dell’Amministrazione che per mesi abbiamo dovuto subire, con una macchina del fango azionata ogni giorno con toni sopra le righe e pesanti calunnie. Emerge in tutta la sua evidenza la pretestuosità del ricorso, un tentativo, come abbiamo sempre detto, di cercare di bloccare la macchina amministrativa con ogni mezzo per arrivare ad un unico obiettivo: lo scioglimento del consiglio comunale per assecondare la brama di potere politico e riappropriarsi delle poltrone occupate per anni. Ciò è confermato”, continua il Sindaco Angarano, “dal fatto che gli stessi consiglieri ricorrenti che oggi hanno subito una sonora batosta, ormai da tempo non fanno altro che fare teatrini in consiglio comunale, abbandonando quasi sempre l’aula e preferendo l’arma dei ricorsi in tutte le sedi giudiziarie possibili anziché il confronto e il dibattito costruttivo per il bene della Città. Ringrazio dirigenti e funzionari del Comune di Bisceglie che per mesi hanno dovuto vedere la loro integrità morale e la loro professionalità messa in discussione ingiustamente dalle infondate accuse di parte dell’opposizione. Ringrazio la mia squadra di governo e la mia maggioranza che con me hanno dovuto sopportare attacchi infamanti e scomposti che sono andati ben oltre il civile dibattito politico. La sentenza del Tar ci dà ragione su tutta la linea, dal punto di vista amministrativo, politico e anche e soprattutto morale, spazzando via malignità e cattiverie. Dal canto nostro continueremo a governare con onestà e trasparenza per il bene della Città fino al 2023”, conclude il Sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Scuola, Boccia: parole Valditara gravissime, no regionalizzazione della scuola e alzare tutti gli stipendi

“Sono gravissime le dichiarazioni del Ministro Valditara che, anziché affrontare problemi reali come la dispersione scolastica e il potenziamento della scuola, propone stipendi differenziati per i docenti, salvo poi, anche stavolta, rimangiarsi tutto dopo che la polemica è scoppiata. Le sue parole non mi stupiscono perché si legano naturalmente al tentativo di sempre del Presidente […]

Amministrative, altri cinque anni con Angarano: domenica la presentazione ufficiale della sua candidatura

Domenica 29 gennaio alle ore 11 al Politeama Italia, in via Montello 2, il Sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano presenterà la sua ricandidatura, che vedrà come primo step quello delle primarie di coalizione fissate il prossimo 12 marzo. La Cittadinanza è invitata a partecipare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: