“Zona Rossa” dal 24 dicembre al 7 gennaio, Montaruli (Casambulanti-Unipuglia): “Colpo finale per le piccole imprese”

La notizia della probabile classificazione per l’intero Paese di Zona Rossa dal 24 dicembre 2020 al 7 gennaio 2021 mette in agitazione il mondo del piccolo commercio che prende posizione giudicando questa eventualità il disastro definitivo per intere categorie già a forte rischio chiusura.

Non fa mancare la propria voce il Rappresentante pugliese del mondo delle piccole imprese e del commercio sulle aree pubbliche, l’andriese Savino Montaruli che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni stampa. “un colpo basso, il colpo definitivo per centinaia di migliaia di piccole imprese già a forte rischio chiusura. Un provvedimento che colpirebbe definitivamente al cuore il nostro tessuto produttivo che anche nel periodo di fine anno  e di inizio 2021, che si vorrebbe inibire, ricerca opportunità di vendite, specie in alcuni settori tradizionali come quello dei dolciumi, dei giocattoli, del regalo in genere e delle manifestazioni fieristiche e specializzate, senza parlare delle attività mercatali che verrebbero soppresse e dei Pubblici Esercenti già duramente colpiti. Una mazzata finale che significherebbe seppellirle definitivamente piccole imprese già duramente provate da tutto quanto accaduto in questo anno che si unisce alla crisi degli ultimi dieci anni. Il dramma è che anche chi voglia dire basta e chiudere definitivamente le proprie attività non potrebbe farlo con leggerezza in quanto i costi per tali operazioni e soprattutto gli elevati indici di indebitamento delle imprese sono altissimi. Tutto materiale a disposizione di usurai e delinquenti che pare non soffrano nessuna crisi. Anzi le imprese se le stanno divorando con quattro soldi” – ha concluso Montaruli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

La Festa della Parrocchia Misericordia senza processione e messe di quartiere

La Parrocchia Santa Maria Misericordia si prepara a vivere la sua fiera parrocchiale, seppur senza processione e messe di quartiere. E’ stato diffuso il programma dei prossimi appuntamenti (che riportiamo in foto sotto quest’articolo). Chi volesse offrire la propria offerta a devozione della Madonna, può rivolgersi ai sacerdoti in parrocchia.  

Covid, i sindacati chiedono ad Emiliano di chiudere tutti i negozi il 25 aprile e il Primo Maggio

In Puglia le attività commerciali, comprese quelle addette alla vendita di alimentari, siano chiuse con ordinanza regionale sia il 25 aprile che l’1 maggio. E’ la richiesta che al governatore della Puglia, Michele Emiliano, hanno fatto i vertici regionali Cgil, Cisl e Uil insieme alle rispettive federazioni di categoria. I sindacati temono che “l’apertura possa […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: