Legambiente preoccupata per ipotesi smaltimento rifiuti radioattivi in Puglia

L’eventuale smaltimento di rifiuti radioattivi in Puglia non può lasciarci indifferenti. Ciò che chiediamo è un confronto aperto con il territorio e le istituzioni, un processo partecipativo che riteniamo fondamentale per una corretta destinazione del materiale nucleare.
“La Puglia viene coinvolta direttamente con ben 5 siti individuati che vanno da Gravina in Puglia(BA) a Laterza (TA) – dichiara Ruggero Ronzulli, direttore di Legambiente Puglia – Ribadiamo con fermezza l’urgenza di avviare un percorso trasparente, partecipato e condiviso col territorio che coinvolga i cittadini, le associazioni, le amministrazioni locali e la comunità scientifica, a partire dalle informazioni contenute nella CNAPI. È essenziale infatti tener conto di ogni singola peculiarità territoriale e del patrimonio naturalistico, archeologico e culturale che va salvaguardato e tutelato. Siamo infatti convinti che i troppi ritardi e la poca chiarezza che hanno caratterizzato fino ad ora questo lungo e complesso percorso rischiano di far partire il tutto con il piede sbagliato. Formalmente da oggi ci sono 60 giorni per produrre delle osservazioni da parte del pubblico al lavoro fatto”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Dieci candeline per la ditta Marchese La Stampa Di Classe

La ditta Marchese La Stampa Di Classe nasce il 31 luglio 2011, in via Alcide De Gasperi 92 a Bisceglie, con obiettivo principale la fornitura di una vasta gamma di servizi rivolti alla comunicazione. “Sono stati 10 ANNI di obiettivi mirati, scelte e cambiamenti talvolta audaci. L’anniversario che ci vedrà protagonisti nel 2021 è solo una tappa […]

Stop a pesce fresco, scatta fermo pesca

Stop al pesce fresco a tavola per l’avvio del fermo pesca che porta al blocco delle attività della flotta italiana lungo l’Adriatico. A darne notizia è Coldiretti Impresapesca in occasione dell’avvio del provvedimento che dal 31 luglio bloccherà le attività dei pescherecci dal Friuli Venezia Giulia al Veneto, dall’Emilia Romagna fino a parte delle Marche […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: