Morì dopo un lancio con paracadute, biscegliese di 45 anni indagato per omicidio colposo in concorso

Si terra’ il prossimo 14 gennaio l’udienza davanti al gip del tribunale di Potenza per discutere sull’opposizione presentata dai familiari di Francesco Carone, il 45enne di Bari morto il 4 agosto 2019 nell’avio-superficie Falcone di Gaudiano di Lavello (Potenza) dopo un lancio dall’aereo a causa della parziale e mancata apertura dei paracadute. La procura potentina ha iscritto nel registro degli indagati tre persone con l’ipotesi di reato di omicidio colposo in concorso: un 49enne di Filottrano (Ancona), fondatore e direttore della scuola di paracadutismo dell’Associazione Fly Zone frequentata dalla vittima e che aveva organizzato l’attività a Lavello, nonché istruttore e pilota del velivolo Cesna da cui si effettuavano i lanci; una persona di 45 anni, di Bisceglie, quel giorno “direttore di lancio”; e un 43enne di Grottazzolina (Fermo), l’istruttore del corso tenutosi nella stessa avio-superficie dal 13 al 16 giugno 2019, neanche due mesi prima, che aveva rilasciato il brevetto a Carone.

La procura ha chiesto l’archiviazione in base alle conclusioni della consulenza tecnica affidata a Gianluca Gaini, istruttore e direttore di scuola di paracadutismo e di lancio e presidente della sezione di Firenze dell’associazione nazionale paracadutisti d’Italia. Per il consulente tecnico, che ha potuto analizzare anche alcuni video che riprendono le drammatiche fasi della caduta al suolo, ha attribuito l’incidente “unicamente a una concatenazione di errori umani da parte di Carone, che era sì un paracadutista di lungo corso ma che si era avvicinato solo di recente alla “specialità” della cosiddetta “ala vincolata”, che prevede lanci da 1.500 metri con apertura automatica del paracadute tramite una fune di vincolo collegata all’aereo”. La vittima a causa di una errata uscita dal Cesna, si è ritrovato con una delle funi del fascio, quella collegata al comando di sinistra, prima impigliata a una caviglia e poi attorcigliata al corpo, il che ha impedito la completa apertura della vela del dispositivo. Carone allora, dopo disperati tentativi di districarsi, ha sganciato il paracadute azionando quello di riserva, che tuttavia non si è aperto perchè la velatura di quello principale è rimasta legata alla fune impigliata bloccando anche il dispositivo di emergenza. Il consulente tecnico non ha dunque ravvisato responsabilità in capo a terzi.

Una conclusione per nulla condivisa dai familiari della vittima che si sono affidati a Studio3A-Valore spa, società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini. Studio3A ha a sua volta incaricato un esperto, Pietro Pallotti, di esaminare la dinamica dei fatti e le sue valutazioni sono risultate diametralmente opposte, in primis per quel che concerne la formazione, ossia sull’idoneità del corso seguito da Carone a preparare adeguatamente gli allievi all’attività lancistica.

L’uscita non consona dell’aereo, che ha innescato “l’intreccio funicolare fatale”, circostanza confermata da tutti, è solo l’ultimo elemento di una serie di “spie” che avrebbero dovuto mettere in allarme i suoi istruttori: anche il giorno precedente, il 3 agosto, in occasione del suo penultimo lancio, Carone non aveva seguito la corretta procedura, e anche in uno dei lanci effettuati durante il corso di giugno il paracadute gli si era aggrovigliato improvvisamente, anche se allora era riuscito a liberarsi. Eppure Carone era stato ritenuto pronto al lancio già dopo il secondo giorno di corso, il 14 giugno, da quanto emerge dal libretto di attestazione dell’addestramento propedeutico ai lanci della scuola Fly Zone, anche se il questionario di fine corso, altra circostanza sospetta, non risulta firmato dall’esaminatore. Così come, per converso, nel prospetto del corso relativo alla parte teorica, proprio sulla sezione relativa alla posizione di uscita dell’aereo, figura la sola firma dell’istruttore e non quella dell’allievo. Ma anche a voler tralasciare queste “omissioni documentali”, doveva essere evidente che la sua preparazione era ancora lacunosa e che non gli si sarebbe dovuto consentire di lanciarsi. Considerazioni diffusamente illustrate nell’atto di opposizione alla richiesta di archiviazione presentato per conto dei familiari della vittima al Giudice per le Indagini preliminari, che le ha ritenute meritevoli di discussione e approfondimento fissando per l’appunto l’udienza in camera di consiglio del 14 gennaio. In quella occasione il Gip deciderà se archiviare definitivamente il fascicolo o se accordare e disporre il supplemento d’indagine richiesto nell’opposizione circa l’adeguatezza delle pratiche di insegnamento, la verifica della ritualità dell’esito favorevole del corso e del rilascio del brevetto e delle responsabilità di tutti i soggetti coinvolti in tali pratiche, e la valutazione della condotta tenuta dai soggetti che potevano intervenire per impedire a Carone il lancio fatale.

 

One thought on “Morì dopo un lancio con paracadute, biscegliese di 45 anni indagato per omicidio colposo in concorso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid, in Puglia 995 nuovi positivi e 30 decessi in 24 ore

Nelle ultime 24 ore in Puglia, sono stati registrati 11.790 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 995 casi positivi: 272 in provincia di Bari, 97 in provincia di Brindisi, 82 nella provincia BAT, 121 in provincia di Foggia, 163 in provincia di Lecce, 246 in provincia di Taranto, 9 residenti fuori regione, […]

Covid: 32 morti e 401 nuovi positivi in Puglia (10,1% test)

Ci sono 32 vittime e 401 nuovi casi di infezione al Covid-19 registrati in Puglia su 3.949 test eseguiti. Il tasso di positività è al 10,1%, più basso rispetto all’11,06% di ieri. Il numero di tamponi fatto è più basso del solito come avviene sempre successivamente al week end. Dei nuovi positivi 135 sono in […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: