Legambiente Bisceglie: no ai rifiuti radioattivi, sono pericolosi e altamente inquinanti

Nella storia della nostra terra, come dicono gli amici di Legambiente di Corato, si ricordano i movimenti dal basso, che hanno sempre difeso e combattuto ambiente e territorio.
Noi siamo al loro fianco e insieme a tutti i cittadini e associazioni che amano questa terra.
Anche per vicinanza geografica e grande attenzione ai destini della Murgia e del suo prezioso Parco, nel quale auspichiamo un nostro ingresso, che chiediamo anche noi una pronta risoluzione della questione legata al deposito delle scorie radioattive a ridosso di esso.
È tale risoluzione non può essere lo stoccaggio né momentaneo, né definitivo in quanto non possiamo pensare minimamente che, anni di valorizzazione turistica del territorio e delle sue colture, siano inficiate dall’allocazione di tale deposito.
Siamo anche noi molto timorosi che la “temporaneità” dello stoccaggio dei rifiuti di media e alta radioattività che si vuole realizzare, non potrà essere tale in quanto manca un deposito per tali scorie in tutta Europa (!) e che immagazzinare insieme scorie a bassa radioattività rivenienti da industria, ospedali e ricerca scientifica con altre molto più pericolose, costituisca un grave e serio problema.
Che si trovi un altro sito e non perché “fuori dal nostro giardino”, ma perché lontano da aree protette e da aree a vocazione fortemente turistica e/o agricola.
Il nostro territorio, ancora una volta è individuato come “pattumiera” di prodotti altamente inquinanti che peraltro, giungono da tutt’altre zone d’Italia.
Legambiente si farà promotrice di ampia campagna di informazione e sensibilizzazione della popolazione.
Legambiente Circolo di Bisceglie
Il presidente Alessandro Di Gregorio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Ordine Commercialisti, Soldani: attivato l’Osservatorio antiusura nel territorio della Bat

«Iniziativa non solo utile, ma in questi tempi così complicati, addirittura necessaria. E sono certo che, con l’impegno di tutti, si riesca ad andare oltre le parole e le enunciazioni di principio, puntando rapidamente ad azioni concrete per affrontare una delle grandi emergenze di questo periodo: il rischio usura che vivono tante famiglie e tante […]

Da Acquedotto Pugliese 110 milioni per abbattere emissioni odorigene. Il progetto coinvolge anche Bisceglie

Acquedotto pugliese ha investito 110 milioni di euro per abbattere le emissioni odorigine causate dagli impianti di depurazione. Fondi che sono stati usati per le coperture delle stazioni principali al trattamento dell’aria negli impianti di depurazione, come nell’impianto di Maglie, il “naso elettronico” sul depuratore di Monopoli e alle nuove tecnologie per le vasche di […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: