Renzi, ex on. Franco Napoletano: «Resta “il bullo di Firenze”»

La stampa straniera più qualificata lo chiama “demolition man”, per la sua tendenza a sfasciare tutto.

Per noi Matteo Renzi rimane, più semplicemente, “il bullo di Firenze”.

Secondo un celebre aforisma dello scrittore Oscar Wild, Renzi a tutto può resistere, tranne che alla tentazione… di ridurre in pezzi e di danneggiare ciò che non ruota intorno alla sua persona.

Anche se si trattasse del Paese, alla prese con una grave pandemia.

La sua arrogante “coazione a ripetere”, come direbbe Freud, lo rende sleale ed inaffidabile.

E’ inutile fare accordi con lui: prima o poi, tradirà.

Un tempo ha entusiasmato gli elettori, con le sue promesse di riforme che, in realtà, erano controriforme. Oggi è tra le figure più impopolari d’Italia.

Vi ricordate quello che ha fatto le scarpe al suo amico di partito Enrico Letta (Enrico, stai sereno!), perché voleva prenderne il posto di Presidente del Consiglio?

Ve lo ricordate quello che ha eliminato la tutela dell’art.18 dello Statuto dei Lavoratori ed ha aumentato il lavoro precario?

E quello che ha salvato quelle banche che hanno rovinato tantissimi cittadini, che ha salvato la banca di famiglia dell’allora ministra Boschi?

E quello, ancora, che voleva demolire la Costituzione della Repubblica ed ha nettamente perduto il relativo referendum, che aveva trasformato sulla sua persona?

E quel bugiardo che aveva solennemente promesso di lasciare la politica, se avesse perduto quel referendum?

Ed, infine, quello che ha lacerato il Partito Democratico, di cui era stato segretario, facendo la scissione di Italia Viva il giorno dopo della nascita dell’attuale Governo Conte?

E’ sempre e solo Matteo Renzi!

Costui sta ancora lì, a scalciare ed a creare problemi al Paese.

In un momento così grave e difficile per l’Italia; con una pandemia in atto e con una media di oltre 500 morti al giorno per Covid-19; con imprese e lavoratori in grave e quotidiana difficoltà, l’ultima cosa da fare era creare una crisi di Governo, con una serie di richieste che avrebbero potuto essere risolte tranquillamente nell’ambito della maggioranza e, perfino, in un patto di legislatura.

Ma quelle richieste, evidentemente, non erano che pretesti, per chi aveva deciso da tempo di far cadere il Governo: Matteo Renzi è fatto così!

Se ne infischia che una caduta del Governo possa creare ostacoli, all’Italia, per ottenere i 230 miliardi del Recovery Plan dall’Europa, per far ripartire l’economia.

Si disinteressa del fatto che è urgente deliberare un nuovo decreto-ristori per imprese e lavoratori.

Lui si preoccupa solo dei sondaggi, che lo danno sempre più in calo (lui ed Italia Viva); si preoccupa di aumentare il suo potere d’interdizione in seno al Governo, di essere sempre al centro dell’attenzione sulla stampa e nell’opinione pubblica, di lucrare qualche voto.

Ragion per cui, cada pure il Professor Conte! E ben venga un enorme regalo alla destra!

Forse Renzi ha trovato definitiva ispirazione in Denis Verdini, in carcere per una condanna definitiva a 6 anni e mezzo, suocero di Matteo Salvini, che è stranamente andato a trovare il 23 o 24 dicembre scorso.

O forse, molto più semplicemente, ha stretto un accordo diretto con la destra (non ci sarebbe da stupirsi!).

C’è  da auspicare che “il bullo di Firenze” rimanga travolto dalle sue insane ed irresponsabili passioni e finisca per rottamare se stesso, cosa che, comunque, avverrebbe se non si trovasse una nuova maggioranza in Parlamento ed il Paese fosse costretto ad andare al voto.

L’Italia non ha bisogno di coloro che mettono i propri interessi davanti agli interessi della Collettività, danneggiando il bene comune.

Avv. Francesco Napoletano

Consigliere comunale e già Deputato della Città di Bisceglie

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid: Emiliano, su scuole decida il governo, basta con le ipocrisie

“Si dica chiaramente che le Regioni, ove dovesse succedere una catastrofe scolastica, non sono responsabili. Su questo punto tutti i governi, più quello precedente che l’attuale, hanno avuto l’idea di promuovere la scuola in presenza ma nessuno si è sentito in dovere di togliere i poteri residui ai presidenti di Regione sulla scuola”. Lo dice […]

Covid, Cgil: anche nella Bat è stata avviata la campagna vaccinale per i Vigili del fuoco

Dopo la raccolta del consenso dei Vigili del fuoco con un adesione risultata altissima, il Comando della Bat, insieme agli altri Comandi pugliesi, grazie agli accordi intrapresi dai Comandanti Provinciali dei Vigili del fuoco, con i Prefetti e le Direzioni sanitarie delle Asl, ha predisposto la vaccinazione di tutti gli operatori a partire da questa […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: