Bisceglie tra le 4 città della Bat a ricevere ristori dalla Regione Puglia

“La Regione Puglia ha trasferito già a fine dicembre scorso alle Camere di Commercio di Bari e di Foggia i 20 milioni di euro destinati a ristorare le imprese che sono state costrette a rimanere chiuse nella settimana tra l’8 e il 14 dicembre, con l’estensione della zona arancione a 20 Comuni delle province di Foggia, Barletta-Andria-Trani e di Bari”. Lo comunicano il vicepresidente della Regione Puglia, Raffaele Piemontese, e l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci, che annunciano “l’imminente uscita degli avvisi da parte delle due Camere di Commercio, con cui abbiamo proficuamente cooperato per individuare misure di accesso semplificato esclusivamente su piattaforma telematica e in modo da garantire rapidità di erogazione”.

Questi i 20 Comuni che furono interessati dall’estensione per una settimana della “zona arancione”: Accadia, Ascoli Satriano, Carapelle, Cerignola, Foggia, Lucera, Manfredonia, Monte Sant’Angelo, San Marco in Lamis, San Nicandro Garganico, San Severo, Torremaggiore, Troia e Zapponeta, per la provincia di Foggia; Andria, Barletta, Bisceglie e Spinazzola per la provincia BAT; Altamura e Gravina di Puglia, per la provincia di Bari.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Cultura, Silvestris: «Facciamo rivivere a Bisceglie il festival dedicato a Mauro Giuliani» (IL VIDEO)

Far rivivere a Bisceglie il Mauro Giuliani Festival: un appuntamento che richiami nella nostra città, per l’intero mese di luglio, i più grandi maestri e tutti gli appassionati della musica da chitarra, con esibizioni, concerti e masterclass. Questa l’idea lanciata da Sergio Silvestris, candidato sindaco alle primarie di coalizione del prossimo 12 marzo, per celebrare […]

De Toma: la biblioteca è chiusa da troppo tempo, basta menzogne

I lavori per la nuova biblioteca comunale sono oggettivamente in ritardo, l’amministrazione comunale ha dato la colpa inizialmente alla pandemia, ma questo è falso.  I lavori erano stati annunciati per la prima volta a giugno 2019, ma come sappiamo la nostra regione è entrata in zona rossa a metà Marzo del 2020.  Successivamente l’amministrazione comunale […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: