Ente Bilaterale, in Puglia contribuiti per sostenere famiglia, nuove nascite e disabili

Un fondo per il sostegno alla genitorialità. Accade anche nel 2021 in Puglia, si tratta di contributi una tantum per le famiglie, i nuovi nati e la disabilità che in particolare in questo momento di emergenza sanitaria possono dare un po’ di ossigeno. “Continuiamo a sostenere la famiglia, in questo periodo di crisi, e pertanto siamo ancora a disposizione dei lavoratori a tempo determinato e indeterminato, dipendenti di aziende in regola con la bilateralità del settore, e che applicano il CCNL Commercio, Distribuzione e Servizi, Confcommercio, con la nuova edizione del Fondo di Sostegno alla Genitorialità”, annuncia il direttore dell’Ente Bilaterale Bari-Bat, Mauro Portoso.

 

Il nuovo bando – commenta il Presidente, Alessandro Ambrosiconferma anche per l’anno 2021 le politiche di welfare e benessere per i dipendenti, rafforzando il sostegno alla famiglia, alla nascita ed alla disabilità, in particolare in questo momento. La Governance dell’Ente, con la partecipazione delle OO.SS. Fisascat/Cisl , Filcams/Cgil, Uiltucs/Uil, è ancora oggi orientata nella massima trasparenza nella gestione delle risorse e per lo sviluppo delle attività nei confronti dei lavoratori l’erogazione di queste forme di sostegno economico”.

 

Nel bando realizzato attraverso un fondo pubblico-privato tra la Regione Puglia e l’Ente Bilaterale del Terziario è prevista l’erogazione di contributi per:

 

  • Il sostegno alla famiglia con 400 euro “una tantum” per ogni figlio minore presente nel nucleo familiare del lavoratore (intervento previsto per una sola volta nell’anno 2021 e per solo un nucleo familiare con un massimo di euro 1.200,00 a nucleo familiare).
  • Il sostegno alla nascita con 1500 euro “una tantum” per ogni figlio nato nel corso dell’anno 2020 /2021 (intervento previsto per una sola volta nell’anno 2021 e per solo un nucleo familiare);
  • Il sostegno alla disabilità con 1500 euro una tantum per ogni figlio minore disabile (intervento previsto per una sola volta nell’anno 2021 e per solo un nucleo familiare)

 

L’obiettivo è di garantire a chi ne farà richiesta, fino ad esaurimento risorse, il sostegno alla genitorialità di lavoratori/lavoratrici residenti in Puglia, purché siano inseriti in aziende aderenti a Ebiter in regola con il versamento dei contributi all’Ente Bilaterale del Terziario, con un valore ISEE del dipendente inferiore ad euro 35.000 e per ogni nucleo può essere presentata una sola domanda.

 

La domanda di contributo deve essere presentata dal dipendente dell’Azienda attraverso la compilazione del modulo disponibile sulla suddetta piattaforma, regolarmente compilato e sottoscritto, avendo cura di allegare documento di identità in corso di validità e la documentazione richiesta, esclusivamente tramite la piattaforma telematica messa a disposizione sul sito http://www.ebiterbari.com.

 

Lo sforzo che siamo chiamati a compiere come Ente Bilaterale del Terziario – conclude Giuseppe Zimmari, vice Presidente Ebiter Bari e segretario regionale Uiltucs – è quello di impegnarci nel dare attuazione a tutti quegli strumenti che garantiscono il giusto equilibrio tra impresa, lavoratore e genitorialità. Per questo l’Ente con la messa a disposizione di una serie di strumenti e servizi ai lavoratori e alle aziende vuole continuare sulla via già percorsa, quella della fiducia reciproca, tra imprese e lavoratori”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Associazione Nazionale Bande da Giro, la delegazione del Presidente Grillo incontra la Conferenza Episcopale Pugliese

Giovedi 25 febbraio una delegazione pugliese dell’Associazione Nazionale Bande da Giro, guidata dal suo Presidente, è stata ricevuta presso l’Episcopio di Otranto da Sua Eccellenza Mons. Donato Negro, Presidente della Conferenza Episcopale Pugliese, da S.E. Mons. Luigi Renna e da S.E. Mons. Vito Angiuli. Nell’incontro, svoltosi in un clima sereno e cordiale, i vescovi hanno […]

Covid: restrizioni anche a Pasqua, il nuovo Dpcm. Ecco cosa si può e non si può fare fino al 7 aprile

Si attende il nuovo Dpcm, quello che scatterà il 6 marzo e dovrebbe essere valido per un mese imponendo cosi’ divieti e restrizioni anche per Pasqua e Pasquetta, le seconde dell’era Covid. Queste dovrebbero essere le restrizioni contenute. VIAGGI VIETATI, STOP SPOSTAMENTI TRA LE REGIONI Il divieto di spostamento tra le Regioni è valido fino […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: