Politiche per l’infanzia, nasce in Puglia il “Sistema Zerosei anni”

“Abbiamo gettato solide basi di gestione della governance del sistema integrato Zerosei, una tappa importante nel percorso tracciato fino ad ora che mira a promuovere e rafforzare nel territorio pugliese le politiche locali per l’infanzia, diffondere una cultura attenta ai bisogni e alle potenzialità delle bambine e dei bambini dalla nascita fino ai sei anni”. Con queste parole l’assessore regionale all’Istruzione della PPuglia, Sebastiano Leo, ha commentato la firma dei due protocolli d’intesa avvenuta alla presenza di Usr Puglia, Anci Puglia e delle segreterie Generali confederali di Cgil Cisl Uil.

“Con il primo protocollo d’intesa – spiega – siglato viene sancita la nascita del Comitato regionale di coordinamento per la promozione del sistema Zerosei, che, oltre a svolgere il ruolo di partenariato sociale e istituzionale, sarà la sede di validazione della programmazione degli interventi e di condivisione dei risultati ottenuti”. “Con la firma di questi due protocolli d’intesa – commenta – da una parte, formalizziamo la costituzione del Comitato di coordinamento regionale per la promozione del Sistema Zerosei, dall’altra, sigliamo l’avvio della collaborazione con Usr Puglia e Anci Puglia finalizzata, nell’ambito di un percorso sinergico per la definizione delle linee di indirizzo generali dello Zerosei in Puglia, alla definizione di indirizzi operativi specifici per il supporto professionale al personale dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia. Ringrazio tutte le parti coinvolte per la straordinaria collaborazione dimostrata che proietta la Puglia in avanti in materia di benessere familiare”.

Il secondo Protocollo, invece, “sancisce l’avvio di un percorso condiviso tra Regione Puglia, Usr Puglia e Anci Puglia finalizzato in particolare alla definizione di indirizzi operativi per il supporto professionale al personale del Sistema integrato di educazione e di istruzione, in raccordo con il Piano nazionale di formazione docenti (Legge 107/2015), con particolare riferimento alla formazione del personale dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia. L’attuazione di un sistema concretamente integrato tra educazione da zero a tre anni e istruzione da tre e sei anni passa dall’elaborazione di una formazione congiunta rivolta al personale in servizio nell’intero segmento”.

“Si tratta – continua – di una compagine di educatori e docenti tradizionalmente non coinvolti in azioni formative congiunte, ma che, invece, necessitano di sviluppare un linguaggi comune, di aprire un dialogo, di progettare insieme e di proiettarsi in una logica di cura e di apprendimento coordinata. La sottoscrizione del protocollo mira proprio a innescare un percorso virtuoso di continuità tra l’attivazione concordata in sede locale di iniziative di formazione continua in servizio, riferite all’intero settore ‘zerosei’, e il supporto professionale al personale del Sistema integrato di educazione e di istruzione in raccordo con il Piano nazionale di formazione. Tutto ciò risulta propedeutico e conforme alla promozione dei coordinamenti pedagogici territoriali in Puglia, che rientra tra i compiti delle regioni definiti all’art. 6 del decreto legislativo numero 65/2017″.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Angarano come Kennedy, foto di compleanno con stessa idea e stessa posa

Ieri, 5 maggio, il sindaco Angelantonio Angarano ha festeggiato il suo compleanno. Molti gli auguri formulati sul suo profilo Facebook, in particolare tra i commenti alla foto che lo stesso Sindaco aveva postato per ricordare l’evento. La foto ritraeva i suoi due figli che giocano sotto la scrivania della stanza di Palazzo di Città riservata […]

Immobili sgomberati, Spina ad Angarano: «Ci racconti la verità. Gli immobili sono liberi? Le famiglie sono state aiutate?»

«Esattamente un mese fa la stampa nazionale si occupò degli sgomberi degli abusivi di Bisceglie, con tanto di “selfie di Angarano” che si vantava del suo “pugno di ferro”. Dopo un mese, i cittadini si chiedono che fine abbiano fatto gli immobili sgomberati (se siano a tutt’oggi liberi o siano stati nuovamente occupati) e se […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: