Infrastrutture turismo, finanziamenti per 40 milioni. La Notte: “Puntare a destagionalizzazione e miglioramento servizi”

Per lo sviluppo delle infrastrutture turistiche e per interventi che rendano e persistano nel tempo, la Regione Puglia ha previsto lo stanziamento di almeno 40 milioni di euro per finanziare 33 progetti esecutivi di altrettanti comuni, che si aggiungeranno ai quasi 7 milioni per i quattro progetti già approvati negli scorsi mesi. Stanziamenti a valere sulla Legge di bilancio regionale per il 2021, contenente norme per il finanziamento di opere pubbliche demaniali e patrimoniali.

“Lo sblocco di nuovi finanziamenti per le infrastrutture turistiche permetterà la messa in atto di interventi strategici e innovativi finalizzati al potenziamento della rete viaria di accesso delle località turistiche, ma anche alla riqualificazione di nuclei antichi e borghi, nonché delle aree circostanti e di accesso agli attrattori turistici”, spiega il consigliere regionale dei “Popolari con Emiliano” Francesco La Notte. “Se è vero che le attrazioni turistiche, di cui la nostra regione è ricca, costituiscono la base principale per attirare nuovi visitatori, azioni complementari sono indispensabili per garantire maggiore visibilità e competitività alla destinazione Puglia sui mercati italiani ed esteri, stimolare laumento dei flussi turistici nazionali e internazionali e migliorare la rete dei sistemi e dei servizi di accoglienza turistica con impatti positivi anche sulla destagionalizzazione e sulla diversificazione dellofferta per tutto il territorio regionale”.

In Puglia i programmi finanziati saranno dunque i seguenti: Cisternino (1.300.000 euro); Castellana Grotte (1.400.000 euro); Monte Sant’Angelo (3.000.000 euro); Muro Leccese (1.400.000 euro); Alessano (1.400.000 euro); Fasano (1.400.00 euro); Racale (500.000 euro); Accadia (500.000 euro); Alliste (721.400 euro); Tricase (1.400.400 euro); Latiano (936.500 euro); Massafra (659.674,15 euro); Ruvo di Puglia (1.400.000 euro); Ostuni (1.500.000 euro); Gravina di Puglia (1.484.590,67 euro); Carovigno (1.400.000 euro); Molfetta (1.500.000 euro); Ruffano (1.391.900 euro); Bitonto (1.265.000 euro); Cavallino (1.130.000 euro); Torricella (950.000 euro); Castrignano dei Greci (1.400.000 euro); Bisceglie (1.400.000 euro); Pietramontecorvino (1.192.954,45 euro); Carosino (1.400.000 euro); Maglie (1.400.000 euro); Matino (1.400.000 euro); Lecce (1.500.000 euro); Casarano (1.400.000 euro); Otranto (680.000 euro); Alberona (788.900 euro); Melendugno (1.399.996 euro); Terlizzi (1351.310,21 euro).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Bandiera Blu, Boccia: «Per Bisceglie traguardo da non sprecare. Buon auspicio per stagione estiva»

“Le 17 Bandiere Blu che può vantare la Puglia nel 2021 saranno sicuramente di buon auspicio per la stagione estiva che sta per iniziare. È un riconoscimento importante che dimostra la bontà delle politiche pubbliche messe in campo in questi anni che hanno avuto il rispetto dell’ambiente e dei nostri mari come punto fermo. La […]

La Regione Puglia a favore delle famiglie in crisi, anche a chi ha già Reddito di Cittadinanza

Si allarga la platea delle famiglie pugliesi, in crisi economica per l’emergenza Covid, che potranno chiedere e ottenere un sostegno. I comuni pugliesi, infatti, potranno estendere l’aiuto economico anche a chi già beneficia di sostegni pubblici come il reddito di cittadinanza. E’ quanto prevede una legge approvata all’unanimità ieri dal Consiglio regionale pugliese. Nel caso […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: