Primo maggio, Casambulanti feste e fiere: i Sindaci? Non li abbiamo mai visti a nostro fianco

Primo maggio, scendono in piazza e per le strade sindacalisti, sindaci, politici. Tutti a difendere i lavoratori e il lavoro, soprattutto quello che non c’è o che quando c’è viene ancora negato.

Da CasAmbulanti – Comparto Feste e Fiere – non si risparmiano nel condannare l’ipocrisia di coloro che – a detta dei rappresentanti dell’Associazione – non hanno mosso un solo dito a difesa di quel lavoro che solo il primo maggio decantano e di cui si ergono a difensori.

Sebastiano Tortora, noto imprenditore del settore dolciario e maestro dell’arte della lavorazione del torrone, ha dichiarato: “con la nostra associazione ed altri amici dell’intera Puglia abbiamo ripetutamente manifestato il disagio degli operatori ambulanti cosiddetti fieristi i quali, proprio a causa delle ordinanze emanate dai sindaci che oggi scendono ipocritamente in piazza a difendere il lavoro ma che non hanno mai manifestato un minimo interessamento per fornire soluzioni alternative, non svolgono le loro attività da quasi un anno e mezzo senza alcuna fonte di sostentamento né di ristoro. Trovo semplicemente vergognoso assistere a queste cerimonie intrise di falsità e di ipocrisia. Non ci hanno chiamati una sola volta; non sono mai venuti in piazza quando abbiamo manifestato ad Andria, a Barletta, a Trani, a Canosa, a Bari, nel Salento ed in tutta la Puglia; non sono stati in grado di fornire alcuna risposta alle nostre tante proposte per la ripartenza; Polisindacati che hanno girato la testa dall’altra parte e per poco non si sono rivoltati pure contro. Vergogna, semplicemente vergogna. Questa è l’unica parola che a tutti gli ambulanti fieristi specializzati, messi sul lastrico, viene oggi in mente nel vedere quelle cerimonie e quei cerimonieri parlare di difesa del lavoro. Forse se provassero sulla loro pelle a restare senza un euro di incasso per un anno e mezzo il primo maggio sarebbero rimasti in silenzio a casa propria senza neppure uscire”.

Anche dall’Ufficio di Presidenza CasAmbulanti intervengono affermando: “davvero uno spettacolo penoso vedere questi personaggi parlare di difesa del lavoro. Il nostro associato ed attivista Sebastiano Tortora ha perfettamente ragione: avrebbero fatto bene a restare nei loro covi dorati, nessuno ne avrebbe sentito la loro mancanza. Giuseppe Di Vittorio? Lasciatelo stare. Lui non sarebbe rimasto a guardare come hanno fatto questi personaggi che si ricordano del lavoro una volta l’anno senza avere né la forza, né il coraggio e neppure la capacità, l’autorevolezza e l’autonomia necessaria dalla politica pe difenderlo” – ha concluso Montaruli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Allarme Ordine Commercialisti: le famiglie italiane diventano sempre più povere

«Le famiglie italiane diventano sempre più povere, mentre la pressione fiscale su di loro continua a salire. Il risultato è una costante diminuzione della spesa corrente, peraltro drenata sempre più dalle grandi piattaforme online, con riflessi negativi per il comparto del commercio che finisce stritolato da una congiuntura negativa che la pandemia ha solo amplificato». […]

Tribunale dei Diritti del Malato: “Ufficio Invalidi a Bisceglie chiuso da più di un mese. Si intervenga”

Con una nota inviata a Direttore generale Asl Bat, al presidente della regione Puglia, al presidente commissione regionale sanita, al sindaco di Bisceglie, il Tribunale dei Diritti del Malato ha segnalato l’interruzione delservizio da parte dell’ufficio invalidi presso l’ospedale di Bisceglie dal giorno 15 Giugno. Di seguito il testo della nota. Con la presente, si […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: