Amendolagine (m5s): “Bilancio di previsione senz’anima. Anagarano la sua manifesta incapacità di governare”

L’approvazione del bilancio di previsione di un Comune dovrebbe rappresentare la massima forma di espressione politica di un’amministrazione comunale che ha una visione di sviluppo e di crescita della città. Nel bilancio del Comune di Bisceglie dell’esercizio finanziario in corso, approvato nello scorso consiglio comunale,  manca questa visione prospettica e, certamente, non può essere surrogata dal libro dei sogni che si vuole scrivere con l’allegato piano triennale delle opere pubbliche. Ci saremmo attesi, nel solco del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, un bilancio di previsione   teso ad una svolta ecologica, con  particolare attenzione alla salvaguardia dell’ambiente e del territorio, alla pianificazione del verde pubblico, alla rigenerazione urbana, al piano del traffico verso la mobilità sostenibile; un bilancio che non dimenticasse la svolta digitale, attraverso l’istituzione di una piattaforma di interscambio di dati di interesse collettivo, con il solo limite della riservatezza. E ancora il recupero delle bellezze naturali e architettoniche  nell’ottica dell’ inserimento della città in un percorso turistico non limitato, esclusivamente,  alla stagione estiva.

Che fine ha fatto il piano sulla sicurezza urbana?

E la cultura, senza i suoi contenitori storici chiusi da tempo? E il DUC, senza la presidenza, che vantaggio   sta portando alla bistrattata categoria dei commercianti?

Sindaco, ancora una volta, il bilancio di previsione è un atto meramente burocratico, con evidenti rilievi mossi dal collegio dei revisori circa: i debiti fuori bilancio senza  copertura e le probabili passività potenziali di entità superiore al fondo accantonato; la non corretta suddivisione delle risorse relative alle sanzioni amministrative da codice della strada; un piano di ammortamento non congruo rispetto alle operazioni di investimento; un’ampia mole di debiti fuori bilancio per lo più da contenzioso e la mancata attuazione di un percorso deflattivo del contenzioso da parte delle diverse Ripartizioni che, a parere dei revisori, minerebbero la stabilità finanziaria dell’Ente. Solo per citare alcune osservazioni del collegio dei revisori!

Questo bilancio, purtroppo, oltre a riportare criticità di carattere contabile e amministrativo, non ha un’anima!!!

Uniche consolazioni dello scorso consiglio sono state l’approvazione dei progetti esecutivi per il recupero delle acque reflue per uso irriguo e l’allargamento della strada S.Mercuro, le cui realizzazioni darebbero una grossa boccata di ossigeno al settore agricolo, oltre al riconoscimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaki, rinchiuso ingiustamente in un carcere egiziano.

L’unanimità del consiglio su questi ultimi provvedimenti di notevole importanza non assolve l’amministrazione Angarano dalla manifesta incapacità di governo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Questura Bat: Boccia, “Presenza Stato per la massima difesa della legalità”

“Oggi nella BAT si completa un percorso iniziato nel 2004 con la nascita della Provincia di Barletta Andria Trani; l’apertura della Questura, e la conseguente partenza dei comandi provinciali dei Carabinieri e della Gdf, grazie all’eccellente lavoro fatto dal prefetto Valiante, rappresentano per tutta la nostra comunità il definitivo presidio di legalità. E’ proprio attraverso […]

Estate Biscegliese, le precisazioni dell’ass. Bianco: «Abbiamo preferito sostenere le realtà locali»

“Noi ci rendiamo conto che i metodi siano ben diversi rispetto al passato ma non è una buona ragione per polemizzare e mistificare la realtà. Prima si spendevano decine di migliaia di euro per singoli eventi che non sempre portavano valore aggiunto alla Città. Ora si usa un metodo trasparente e concertativo che, al netto […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: