Mensa scolastica, la gara d’appalto per servire oltre 120.000 pasti in un anno. Slitta la data di scadenza per partecipare

I termini della gara per l’affidamento del servizio di refezione scolastica sono stati spostati al 10 giugno, data entro la quale le ditte interessate potranno presentare la loro offerta.

Il bando è intitolato “Gara europea a procedura aperta per l’appalto di affidamento del servizio di ristorazione scolastica nelle scuole dell’infanzia statali e scuole primarie a tempo pieno e/o prolungato per un triennio”. Nella descrizione, cioè nella spiegazione più dettagliata di cosa dovrebbe fare la ditta aggiudicataria, si parla di “servizio di ristorazione scolastica del Comune di Bisceglie, per le scuole dell’infanzia statali per un triennio, in «legame fresco -caldo», con le modalità stabilite nel C.S.A., dalla fase di approvvigionamento delle materie prime, alla preparazione, al trasporto, alla consegna, alla distribuzione dei pasti alle mense, il successivo riordino, la pulizia e  sanificazione dei locali in cui si consumano i pasti”.

Il valore dell’appalto è di 2.185.000 euro che costituisce la base d’asta. Il criterio di aggiudicazione è quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa per servire -secondo quanto rilevato nell’anno scolastico appena concluso- oltre 120.000 pasti in un anno.

I dettagli del capitolato d’appalto possono essere letti cliccando su questo link.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Scuola, Codacons Puglia: Rafforzare didattica distanza con facoltà famiglie

“Con la crescita dei contagi e le previsioni delle varianti Delta ed Epsilon, per la tutela degli interessi collettivi degli utenti scolastici chiediamo al ministero dell’istruzione, al provveditorato di Bari e al governatore della Puglia di provvedere al rafforzamento della Dad, la didattica a distanza, già sperimentata lo scorso anno”. Così l’associazione Codacons Puglia, in una nota, […]

Pnrr, Fp e Cgil Bat: “Nelle Pubblica Amministrazione carenza di organico, difficile gestire progetti”

C’è una battaglia più appariscente, da parte dei sindaci pugliesi e meridionali, che è certamente giusta nel rivendicare un diverso riparto delle risorse del PNRR, ce n’e è un’altra condotta da poche personalità illuminate, che riguarda gli organici degli Enti locali che non sono in grado di spendere i soldi comunque disponibili. Quasi tutte le […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: