La provincia Bat cerca un immobile per una scuola superiore a Bisceglie

La Provincia Barletta-Andria-Trani rende noto che ha necessità di reperire un immobile da assumere in locazione e da adibire ad aule scolastiche per un Istituto di Istruzione Secondaria Superiore nel Comune di Bisceglie.

L’immobile ricercato dovrà: essere già costruito all’atto della partecipazione alla presente selezione ed essere di nuova costruzione oppure ristrutturato in condizioni assimilabili al nuovo ed idoneo o  potenzialmente idoneo alla destinazione d’uso “aule scolastiche” sotto il profilo tecnico-edilizio-urbanistico, logistico, tecnologico, impiantistico, strutturale e dei materiali; essere ubicato nel Comune di Bisceglie, in zona ben collegata e servita dai principali mezzi pubblici urbani; avere una superficie complessiva, al netto delle murature, come da foto illustrativa:

 

 

 

 

 

 

essere conforme alla normativa vigente in materia di abbattimento di barriere architettoniche, ivi compresa la presenza di idoneo ascensore se il fabbricato è disposto su più piani, o eventuale montascale; avere destinazione d’uso ad uffici pubblici;
avere rispondenza alle vigenti Norme Tecniche per le Costruzioni;  avere impianti tecnologici a norma del d.m. 37/08 e ss.mm.ii.;  avere un cablaggio strutturato;  avere accessibilità corrispondente alle norme di cui alla legge 13/89 e ss.mm.ii.

L’offerta dovrà pervenire, improrogabilmente entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 21.06.2021, con le seguenti modalità:
1) inviata a mezzo posta alla sede della Provincia di Barletta Andria Trani, sita in Piazza Plebiscito n. 34 – 76121 Barletta. L’invio dell’offerta è a totale rischio e spese del mittente e farà fede la data apposta con apposito timbro della Provincia Barletta-Andria-Trani;
2) consegnata a mano esclusivamente presso l’Ufficio Protocollo della Provincia di Barletta-AndriaTrani. In tal caso, l’Ufficio ricevente è tenuto ad apporre sulla busta l’apposito timbro contenente
data ed orario di deposito dell’offerta.
a busta contenente l’offerta dovrà recare all’esterno la seguente dicitura: “Ricerca immobile in locazione ad uso istituto scolastico nel Comune di Bisceglie” e dovrà contenere la seguente documentazione:
1. Lettera di presentazione dell’immobile proposto, sottoscritta dal soggetto dotato dei necessari poteri (proprietario persona fisica o rappresentante legale del soggetto giuridico proprietario), con indicazione dei dati (nome, cognome, indirizzo) del proprietario dell’immobile, se persona fisica, ovvero ragione sociale, sede legale, dati del rappresentante legale, se persona giuridica, corredata dall’indirizzo di posta elettronica certificata presso il quale inviare eventuali comunicazioni.

2. Fotocopia documento di riconoscimento del sottoscrittore.
3. Titolo di proprietà dell’immobile e visure storiche catastali aggiornate.
4. Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà del proprietario dell’immobile o del rappresentante legale del soggetto giuridico proprietario, attestante:
a) l’assenza dello stato fallimentare, concordato preventivo, liquidazione coatta o amministrazione controllata, ovvero assenza di pendenza di una delle predette procedure, nonché l’assenza di cause impeditive a contrarre con la Pubblica Amministrazione;

b) l’assenza di condanne penali o misure di prevenzione o sicurezza per reati contro il patrimonio,
la Pubblica Amministrazione o per reati di tipo mafioso. Nel caso di persona giuridica il requisito
deve riguardare il legale rappresentante e i soggetti amministratori.
5. Relazione tecnico-estimativa, sottoscritta dal soggetto dotato dei necessari poteri (proprietario
persona fisica o rappresentante legale del soggetto giuridico proprietario), contenente il canone
annuo di locazione offerto al netto dell’I.V.A., le motivazioni a giustificazione dell’importo richiesto
e l’espressa accettazione della validità dell’offerta per un periodo non inferiore a 12 mesi dalla sua
presentazione.
6. Relazione dettagliata, sottoscritta dal soggetto dotato dei necessari poteri (proprietario persona fisica o rappresentante legale del soggetto giuridico proprietario), inerente le caratteristiche tecniche dell’immobile, con particolare riferimento alla sua ubicazione, all’epoca di costruzione, ai dati catastali, nonché alla descrizione dei materiali, della finitura e delle dotazioni impiantistiche.
7. Elaborato planimetrico dell’immobile, sottoscritto da un professionista abilitato.
8. Dichiarazione asseverata rilasciata da un tecnico incaricato dalla proprietà e regolarmente iscritto all’Albo Professionale attestante che:
a) l’immobile è rispondente alle prescrizioni di cui all’allegato IV del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.,
in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro;
b) gli impianti a servizio dell’immobile sono conformi alla vigente normativa;
c) l’immobile è conforme alla vigente normativa in materia di superamento delle barriere architettoniche;
d) l’immobile è idoneo all’uso di aule didattiche e laboratorio e che tale destinazione d’uso è legittima sotto il profilo urbanistico-edilizio.
9. Certificato di prevenzione incendi rilasciato dai Vigili del Fuoco.
10. Certificato rilasciato dall’Amministrazione Comunale, attestante l’agibilità e che la destinazione d’uso dell’immobile ad aule didattiche è pienamente compatibile con gli strumenti urbanistici vigenti.
11. Documentazione fotografica dell’immobile.
12. Dichiarazione di disponibilità ad eseguire a propria cura e spese ogni eventuale opera di adeguamento e ristrutturazione, se ritenuta necessaria dalla Provincia Barletta-Andria-Trani, dell’immobile offerto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Una storia di disagio nell’indifferenza generale. Dove sono i servizi sociali?

Voglio narrarvi un fatto di cronaca che si sta consumando a Bisceglie sotto gli occhi di tanti omertosi i quali si nascondono sotto la scusa: “non sono fatti miei … loro sono grandi e vaccinati … chi si intriga resta intrigato …” ed altre scuse similari. Forze dell’ordine e Servizi Sociali sono assenti per motivi […]

Cedono marciapiede e cordoli, il Comune ordina all’impresa edile di intervenire a proprie spese

Il Dirigente della Ripartizione Tecnica del Comune di Bisceglie ha ordinato all’amministratore Unico della ditta “Gedil s.r.l.”, di provvedere a propria cura e spese, entro 20 giorni dalla notifica della stessa ordinanza, al ripristino a regola d’arte della superficie del tratto stradale di via Vittorio Veneto fronte civico 106 interessata dal cedimento del manto bituminoso […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: