Se al bar il titolare non tollera la diversità, il brutto episodio accaduto ai ragazzi di Con.Te.Sto

Un episodio increscioso, un caso di incomprensione e mancanza di empatia con le difficoltà di persone svantaggiate. È quello che è accaduto ai ragazzi dell’associazione Con.Te.Sto. odv di Bisceglie presso un bar di Trani. L’episodio lo racconta Raffaella Caifasso con una mail a La Diretta. Di seguito il testo.

Accade nella civilissima Trani, dove l’attenzione verso le diverse abilità, e in particolar modo l’autismo, è molto alta.
Ed è per questo che non te lo aspetti e fa ancora più male.

Sono le 10,30 di un normalissimo martedì e il gruppo dei ragazzi più grandi dell’associazione con.te.sto odv è felicissimo: oggi escono in passeggiata con i loro compagni tutor e gli operatori. Lo fanno spesso, e quella passeggiata che per loro è una boccata d’ossigeno termina sempre con la visita ad un bar, dove si siedono ordinati in attesa di mangiare un gelato e una porzione di patatine. Solitamente sono sempre bene accolti, ma questo martedì le cose sono andate diversamente: hanno incontrato chi la diversità non vuole comprenderla e non la tollera.
Al termine della loro passeggiata, accompagnati dal presidente, hanno raggiunto un bar e, come sempre, si sono seduti in attesa che gli operatori raccogliessero le loro ordinazioni.

Sin da subito il titolare del bar ha accusato i ragazzi e i loro accompagnatori di voler occupare abusivamente, a suo dire, i tavoli senza consumare.
A nulla sono valse le rassicurazioni del presidente: i ragazzi avevano i soldi e avrebbero tutti ordinato qualcosa. Sono ragazzi con disabilità, ci vuole soltanto qualche minuto in più, appena un briciolo di pazienza. Lui ha continuato a sostenere la sua tesi urlando a gran voce, finché ai ragazzi non è restato che alzarsi e andar via, non senza difficoltà perché alcuni di loro non comprendevano cosa avessero fatto di male.

Ora ci chiediamo: i soldi hanno un colore diverso se usati dai nostri ragazzi?
Avrebbero pagato e consumato come tutti.

Restiamo basiti di fronte a tanta incomprensione e allo stesso tempo ringraziamo ancora di più chi invece ci accoglie con amore ogni volta.
Certi episodi non vanno taciuti perché cresca la consapevolezza, noi ci siamo e continueremo a fare le nostre uscite e le nostre passeggiate. Non ci abbattiamo perché per fortuna le strutture accoglienti superano di gran lunga quelle ostili, alle quali diciamo: INVECE DI ALZARE LA VOCE, FORMATEVI!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Italiani morti a Riad: Notte della Taranta ricorda Caggianelli

“Di Antonio, prima di ogni passo, prima di ogni sguardo arrivava il suo sorriso, bello come il porto della sua città, Bisceglie”. Così la grande famiglia del concertone de La Notte della Taranta, ricorda Antonio Caggianelli, il ballerino accademico protagonista del Concertone 2021 a Melpignano (Le), scomparso con altri colleghi nel tragico incidente verificatosi in […]

Covid: in Puglia 40 nuovi casi (0,28% test) e nessun decesso

Oggi in Puglia si registrano 42 nuovi casi di Coronavirus su 14.769 test (0,28% test) e zero decessi. I nuovi casi sono così distribuiti: 15 in provincia di Bari, 14 in provincia di Foggia, 12 nel Leccese e 1 nel Tarantino. Delle 2.123 persone attualmente positive 129 sono ricoverate in area non critica e 18 […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: