Aspettando l’alba all’Anfiteatro con l’Orchestra Filarmonica Pugliese. Poi, sospiri e caffè

Confermato, per il terzo anno consecutivo, l’appuntamento con Sol dell’Alba.

Dopo il sold out delle prime due edizioni, torna al teatro Mediterraneo di Bisceglie il concerto orchestrale all’alba più imponente della costa adriatica per numero di musicisti coinvolti e per numero di partecipanti registrati.

Circa sessanta musicisti, l’esecuzione di alcune tra le più belle pagine della musica classica, la cornice di un teatro all’aperto a picco sul mare, la suggestione del sole che sorge dal mare e la colazione che viene consumata tutti insieme al termine dello spettacolo sono gli ingredienti della manifestazione che vedrà in scena l’Orchestra Filarmonica Pugliese, realtà musicale che ha già calcato i palcoscenici di prestigio d’Italia, alla bacchetta del M° Giovanni Minafra.

Alle prime luci del mattino di sabato 7 agosto, l’orchestra si esibirà in una performance pensata per accompagnare lo spettatore nel passaggio dalla notte al giorno, insieme al solista M° Alfonso Soldano. Il celebre pianista pugliese darà il via ad un programma che avrà come tema la “danza” con il diabolico Totentanz di Franz Liszt.

La particolarità del concerto è proprio questa: le prime note verranno intonate prima del sorgere del sole, intorno alle 4.50 del mattino, e l’esecuzione proseguirà raggiungendo il culmine nel momento esatto in cui il sole emerge dal mare, fino alla conclusione, quando ormai sarà mattina, con la colazione offerta a tutti i partecipanti. Il tutto con l’intento di sensibilizzare il pubblico al bello e all’incanto dell’alba sul mare.

L’edizione 2021 vuole celebrare il ‘ritorno alla vita’ dopo oltre un anno molto difficile per diversi settori tra cui quello della cultura e degli spettacoli dal vivo, ma anche del turismo e dell’economia. “Mai nessuna notte è tanto lunga da non permettere al sole di sorgere. Il sole che torna a splendere ci sembra la metafora perfetta della vita che riprende”, hanno detto gli organizzatori che hanno scelto la frase dello scrittore Paulo Coehlo come claim e l’esecuzione di alcune tra le più celebri ‘danze’ per il programma di quest’anno.

Anche per l’edizione in corso, confermata la partnership con l’Associazione Pasticcerie Storiche Biscegliesi: saranno gli storici maestri pasticceri a preparare e servire caffè e ‘sospiro biscegliese’, dolce tipico della città. In tal modo, la manifestazione riesce a coniugare cultura, paesaggio, spettacolo e gastronomia in un evento esperienziale a tutto tondo.

L’evento gode del patrocinio del Mic – Ministero della Cultura, della Regione Puglia, del Comune di Bisceglie e della Fondazione Puglia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Bisceglie. Associazione Auditorium, venerdì 22 ottobre il concerto del pianista Mirco Michele Ceci a Palazzo Vives Frisari

La programmazione dell’associazione Auditorium prosegue a Bisceglie nei suggestivi ambienti di Palazzo Vives Frisari (in via Tupputi, 13) con il concerto del pianista Mirco Michele Ceci, in programma venerdì 22 ottobre con inizio alle 20.00.   Lo spettacolo sarà incentrato sull’esecuzione di brani di Mussorgsky e Dvorak. «L’accostamento dei “Quadri di un’esposizione” di Mussorgsky agli […]

Orchestra Filarmonica Pugliese, Al teatro Impero di Brindisi uno spettacolo sulla pandemia

Esorcizzare le paure e le fragilità derivanti dal periodo storico che specie i più giovani stanno vivendo, attraverso due strumenti di comunicazione potentissimi: la musica e la fiaba. È questo il nuovo ambizioso progetto firmato Associazione Auditorium, in collaborazione con le associazioni Ridon-dance e La Bautta. Voci dietro la maschera – La fiaba musicale all’epoca della pandemia,  questo il titolo dello […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: