Che il Signore ti abbracci col suo amore

Ero un piccolo chierichetto che serviva messa alla Madonna di Passavia, dove don Salvino celebrava la messa delle 11.
Il 1^ gennaio dell’80, nella sua omelia, indicó dei “consigli pratici” per la giornata della Pace. Invitó a disertare la leva obbligatoria, a non pronunciare più la parola a Patria e a credere nella patria degli ultimi. E chiese ai benestanti parrocchiani di ospitare in casa una famiglia di sfollati senza tetto, avendone lo spazio.
Dai banchi in molti iniziarono a rumoreggiare. E un signore, particolarmente indispettito, si alzò e disse “Pannella lo sentiamo già in televisione”.
Sereno e serafico don Salvino non si scompose, disse solo “ho capito”, e avvio la recita del credo.

E non si faceva neppure problemi a cambiare i Salmi, correggendo i Profeti. “Beato l’uomo che teme Dio” diventava “beati coloro che hanno fiducia nell’amore di Dio”.

Perché don Salvino era così, senza mezze misure. O tutto o niente. E Lui si è dato tutto. Con le sue prediche pacifiste, i suoi inviti espliciti alla diserzione alla leva, la sua allergia a qualsiasi gerarchia, il suo rifiuto di ogni autorità e ogni imposizione, e il suo credo nel Dio-amore che lo hanno reso forse scomodo ma certamente originale. Tanto da essere il primo prete di Bisceglie a non indossare il colletto bianco e a rifiutare in titolo di “don”. Per tutti era solo Salvino.

Ma Don Salvino ha già compiuto due miracoli in vita: ha fatto nascere dal nulla la prima struttura di accoglienza e assistenza a poveri, immigrati e derelitti; e ha recuperato dall’oblìo, dalla decadenza, dal vandalismo e dalla depredazione delle opere d’arte (che recuperò da case private e da una scuola media) una chiesa tornata al suo splendore barocco e una struttura, quella dei Cappuccini, tornata al suo antico splendore.
E lo ha fatto senza assistenza pubblica e senza 8×1000: con il sostegno di tanti benefattori e con l’opera infaticabile di una comunità di giovani e di amici che lo seguiva verso qualunque traguardo lui indicasse.
Mi mancheranno il suo sorriso e la sua schiettezza. E anche quel modo originale con cui ci salutavamo. Ad ogni telefonata, io lo salutavo con un antiquato e tradizionale “Cristo regni!”. E lui mi rispondeva con uno strafottente “altrettanto!”.
Ciao Salvino. Che il Signore ti abbracci col suo amore.

 

Sergio Silvestris

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Marinaio biscegliese accusa malore su peschereccio, salvato in tempo da Capitaneria di Porto e 118

Intervento provvidenziale, questa notte, della motovedetta della Guardia costiera di Ortona (Chieti) e del personale del 118 di Chieti, che appena dopo la segnalazione di un peschereccio in navigazione, hanno immediatamente prestato soccorso ad un marittimo colto da un malore. “Erano le 3.30 quando il comandante di un peschereccio di Bisceglie (provincia di Barletta-Andria-Trani), ma di base […]

Covid: in Puglia 175 nuovi casi e 5 decessi

Oggi in Puglia sono stati registrati 13.482 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e 175 casi positivi: 47 in provincia di Bari, 8 nella provincia di Barletta, Andria, Trani, 5 in provincia di Brindisi, 24 in provincia di Foggia, 56 in provincia di Lecce, 28 in provincia di Taranto, un residente fuori regione e 6 […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: