Che il Signore ti abbracci col suo amore

Ero un piccolo chierichetto che serviva messa alla Madonna di Passavia, dove don Salvino celebrava la messa delle 11.
Il 1^ gennaio dell’80, nella sua omelia, indicó dei “consigli pratici” per la giornata della Pace. Invitó a disertare la leva obbligatoria, a non pronunciare più la parola a Patria e a credere nella patria degli ultimi. E chiese ai benestanti parrocchiani di ospitare in casa una famiglia di sfollati senza tetto, avendone lo spazio.
Dai banchi in molti iniziarono a rumoreggiare. E un signore, particolarmente indispettito, si alzò e disse “Pannella lo sentiamo già in televisione”.
Sereno e serafico don Salvino non si scompose, disse solo “ho capito”, e avvio la recita del credo.

E non si faceva neppure problemi a cambiare i Salmi, correggendo i Profeti. “Beato l’uomo che teme Dio” diventava “beati coloro che hanno fiducia nell’amore di Dio”.

Perché don Salvino era così, senza mezze misure. O tutto o niente. E Lui si è dato tutto. Con le sue prediche pacifiste, i suoi inviti espliciti alla diserzione alla leva, la sua allergia a qualsiasi gerarchia, il suo rifiuto di ogni autorità e ogni imposizione, e il suo credo nel Dio-amore che lo hanno reso forse scomodo ma certamente originale. Tanto da essere il primo prete di Bisceglie a non indossare il colletto bianco e a rifiutare in titolo di “don”. Per tutti era solo Salvino.

Ma Don Salvino ha già compiuto due miracoli in vita: ha fatto nascere dal nulla la prima struttura di accoglienza e assistenza a poveri, immigrati e derelitti; e ha recuperato dall’oblìo, dalla decadenza, dal vandalismo e dalla depredazione delle opere d’arte (che recuperò da case private e da una scuola media) una chiesa tornata al suo splendore barocco e una struttura, quella dei Cappuccini, tornata al suo antico splendore.
E lo ha fatto senza assistenza pubblica e senza 8×1000: con il sostegno di tanti benefattori e con l’opera infaticabile di una comunità di giovani e di amici che lo seguiva verso qualunque traguardo lui indicasse.
Mi mancheranno il suo sorriso e la sua schiettezza. E anche quel modo originale con cui ci salutavamo. Ad ogni telefonata, io lo salutavo con un antiquato e tradizionale “Cristo regni!”. E lui mi rispondeva con uno strafottente “altrettanto!”.
Ciao Salvino. Che il Signore ti abbracci col suo amore.

 

Sergio Silvestris

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Covid: in Puglia 248 nuovi casi e un decesso

Oggi in Puglia sono stati registrati 13.931 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e 248 casi positivi: 53 in provincia di Bari, 32 nella provincia di Barletta, Andria, Trani, 40 in provincia di Brindisi, 43 in provincia di Foggia, 59 in provincia di Lecce, 14 in provincia di Taranto, 5 residenti fuori regione e 2 […]

Covid: in Puglia 4 morti e 189 positivi, l’1,36% dei test

Sono 189 i nuovi casi di infezione da Covid-19 registrati oggi in Puglia su 13.864 test eseguiti con un tasso di positività dell’1,36% (ieri 1,2%). Quattro i decessi. I nuovi casi sono così suddivisi: 35 in provincia di Bari; 11 nella Bat; 9 nel Brindisino, 24 nel Foggiano, 73 in provincia di Lecce, 30 in […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: