Avrebbe dato fuoco a una palazzina in via Cala Dell’Arciprete, arrestata giovane donna

Lo scorso 12 aprile, di notte, ha provocato un incendio che ha interessato due motoveicoli e un’intera palazzina in via Cala Arciprete a Bisceglie. Le indagini dei carabinieri e della Procura della Repubblica di Trani hanno condotto gli inquirenti all’individuazione della presunta responsabile, una giovane donna che è stata arrestata. Le immagini dei sistemi di videosorveglianza hanno fornito un contributo decisivo.

La donna, nei minuti precedenti all’incendio, si è fermata a bordo di un’auto in una stazione di servizio, prelevando un certo quantitativo di benzina con un secchio e utilizzando successivamente il liquido per incendiare i due motoveicoli parcheggiati in sosta lungo un marciapiede in Via Cala Arciprete. La combustione si è propagata e ha determinato danni strutturali ingenti anche a una palazzina adibita a civile abitazione poco distante.

Il movente sarebbe individuabile in un acceso diverbio sorto per questioni sentimentali, che avrebbe convinto la ragazza a realizzare un piano di tale portata, peraltro programmato nei minimi particolari e con una disarmante lucidità. Alla donna, già sottoposta agli arresti domiciliari per gli stessi fatti, è stata applicata dall’Autorità Giudiziaria di Trani la misura della custodia cautelare in carcere e dovrà rispondere di incendio doloso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Vendevano mascherine cinesi senza indicazioni in italiano, nei guai due farmacie (una di Bisceglie)

Mille mascherine irregolari. È quanto hanno scoperto i carabinieri del Nas di Bari nell’ambito dei servizi sulla commercializzazione di dispositivi medici e di destinazione d’uso sanitario. Nel corso di controlli presso una farmacia di Bisceglie e un esercizio commerciale di Bari, gestito quest’ultimo da una cittadina di nazionalità cinese, i militari hanno constatato la presenza di migliaia […]

In Puglia cambiano le regole sulle registrazioni dei casi positivi Covid

“Con le nuove regole sulla gestione dei casi confermati covid introdotte dal Governo nazionale, i test antigenici rapidi effettuati in farmacia o nei laboratori privati della rete regionale SARS-CoV-2 e registrati sul sistema informativo regionale sono stati resi equivalenti ai tamponi molecolari, senza necessità di conferma ai fini della sorveglianza e della gestione dei casi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: