Asili nido e scuole per l’infanzia, altre possibilità dal Pnrr: Fata interroga l’amministrazione

Vittorio Fata e Rossano Sasso hanno sottoscritto un’interrogazione consiliare urgente a risposta scritta e orale per conoscere le intenzioni dell’amministrazione comunale di Bisceglie riguardo l’avviso pubblico che il ministero dell’istruzione ha diffuso, a valere sul Piano nazionale di ripresa e resilienza, per la realizzazione di strutture da destinare ad asili nido e scuole di infanzia. «Un’altra occasione da non perdere per rilanciare il territorio colpito dall’emergenza Covid» l’ha definita Fata. «La misura specifica punta a colmare le diseguaglianze a livello di offerta dei servizi di istruzione. I fondi messi a disposizione nell’ambito del piano Next generation dell’Unione Europea, anche in questo caso, costituiscono una leva non indifferente per il Comune, a patto che decida di aderire al bando presentando una candidatura entro il prossimo 28 febbraio» ha spiegato. «Un’amministrazione efficiente deve al tempo stesso garantire la capacità di dar seguito a progettualità proprie, frutto di analisi lungimiranti, e la prontezza di riflessi nel cogliere le occasioni che sopraggiungono con la massima versatilità ed apertura mentale» ha rimarcato.

«Migliorare la proposta scolastica fin dalla prima infanzia è più che mai necessario per la nostra comunità: una buona pratica amministrativa che si innesta sul terreno della maggiore partecipazione delle donne al mercato del lavoro e di una conciliazione tra vita familiare e professionale» è quanto osservato da Vittorio Fata. «Realizzare opere significa dare concretezza ad una visione ed è quasi sempre più incisivo di tanti discorsi vuoti. Compito di un’opposizione seria è indicare opzioni e opportunità affinché la cittadinanza possa comprendere, nel caso in cui chi amministra non riesca a portare risultati, in quale misura l’esperienza di governo si sia rivelata fallimentare. Temo che nonostante questi nostri appassionati suggerimenti, mirati al bene della città che amiamo, l’amministrazione Angarano non abbia la forza, la visione e la capacità necessarie» ha concluso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Bilancio approvato, Spina: «Un disastro, nessuna opera in 5 anni, tante tasse e un cimitero che sorgerà in centro abitato»

«Cronaca di un disastro amministrativo. Adottato in un clima surreale, tra i pochi consiglieri rimasti, l’ultimo bilancio preventivo del quinquennio della SVOLTA: un disastro con nessuna opera in 5 anni, tante nuove tasse e un nuovo cimitero con 5000 loculi e tanto cemento accanto a “carrara Salsello” in pieno centro abitato. Ieri, in seconda convocazione […]

Regolamento Tari, Capurso (Il Faro-Pci): eliminate alcune agevolazioni e in alcuni casi il Comune incassa il doppio

«Dopo celebrazioni e consigli più politici, si torna in consiglio a discutere di provvedimenti specifici, uno dei quali ha riguardato il regolamento TARI. Si tratta di un regolamento che contiene ancora troppe incongruenze e ingiustizie che non vengono risolte. Ad esempio, secondo l’attuale regolamento, se un giovane va via da casa per vivere da solo […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: