Magistrati arrestati: ex gip Trani ricusa presidente Corte Lecce

E’ iniziato questa mattina a Lecce il processo d’appello per l’ex giudice Michele Nardi condannato dal Tribunale di Lecce a 16 anni e 9 mesi di reclusione per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari per aver garantito esiti processuali favorevoli in più vicende giudiziarie e tributarie in favore di imprenditori coinvolti nelle indagini della Procura di Trani in cambio di ingenti somme di denaro, di gioielli e varie utilità.

All’inizio del processo ha preso la parola lo stesso ex gip Nardi che ha detto di aver depositato la richiesta di ricusazione del presidente della sezione della Corte d’appello dinanzi alla quale si celebra il processo, Vincenzo Scardia, istanza sulla quale deciderà un’altra sezione della Corte d’appello. Si e’ passati quindi alla discussione delle questioni preliminari sollevate dal legale di Nardi, Domenico Mariani, e contestate dal pg Salvatore Cosentino. Tra queste la competenza territoriale che si vorrebbe far spostare a Potenza perché il procedimento è collegato – secondo la difesa – alle funzioni di Carlo Maria Capristo, l’ex procuratore di Trani e di Taranto, indagato nel capoluogo lucano. Il processo è stato aggiornato al prossimo 1 aprile.

Oltre a Nardi il Tribunale ha condannato in primo grado a 9 anni e 7 mesi di reclusione l’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, ritenuto complice dell’ex pm tranese Antonio Savasta (condannato in primo grado con rito abbreviato in un processo-stralcio a 10 anni); 6 anni e 4 mesi sono stati inflitti all’avvocatessa barese Simona Cuomo; 5 anni e 6 mesi a Gianluigi Patruno; 4 anni e tre mesi a Savino Zagaria, cognato di Savasta.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Truffa sostegni covid: arrestato il commercialista biscegliese Amoruso, era in Colombia

Vanno a sistemarsi anche gli ultimi tasselli dell’operazione ‘Free Credit’ legata alle frodi milionarie sui bonus fiscali contenuti nel Decreto Rilancio. Gli uomini della Guardia di Finanza di Rimini, coordinati dalla Procura della Repubblica della città romagnola hanno arrestato due delle persone ai vertici dell’organizzazione disarticolata, nei mesi scorsi, proprio dalle Fiamme Gialle e latitanti […]

Controlli congiunti e ulteriore videosorveglianza per aumentare la sicurezza a Bisceglie

La Città di Bisceglie, d’intesa con la Prefettura di Barletta Andria Trani e in linea con la sottoscrizione del Patto per la Sicurezza urbana, sta registrando da diverso tempo un aumento dei controlli di pubblica sicurezza. Nei giorni scorsi, come sta succedendo ciclicamente con puntualità, le vie cittadine sono state interessate dall’attività che la Polizia […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: