Napoletano (Il Faro-Pci): «Angarano? Tra il fanciullo e il Don Abbondio»

«L’Amministrazione Angarano, dopo avere suscitato illusorie aspettative di cambiamento e disatteso le mirabolanti promesse elettorali, si è rivelata un autentico danno per la Città.

D’altronde, fare il Sindaco non è un compito facile e non tutti ne sono capaci.

Il Sindaco Angarano, a metà strada tra il fanciullino pascoliano ed il pavido Don Abbondio manzoniano, appare timoroso della sua stessa ombra e per nulla incline ad assumersi ogni minima responsabilità.

E’ opinione diffusa che venga portato per mano dai dirigenti comunali e da taluni esponenti del vecchio ceto politico.

Il risultato è il degrado cittadino, che è sotto gli occhi di tutti.

Non a caso, i cittadini, anche quelli che, ormai pentiti, hanno sostenuto Angarano, si augurano che questa Amministrazione vada a caso quanto prima.

Certo, non tutte le responsabilità sono attribuibili per intere a questo Sindaco, che ha ereditato ed aggravato le indubbie manchevolezze dei suoi più recenti predecessori, che, pure, smaniano per ritornare.

Sta di fatto che la grave inadeguatezza di questo Sindaco lascerà una montagna di macerie, che non sarà semplice rimuovere da chi verrà dopo.

IN QUESTA SITUAZIONE, QUAL’E’ LA COSA PIU’ UTILE PER UNA RINASCITA DELLA CITTA’ DI BISCEGLIE?

Il senso di responsabilità verso le Istituzioni e la Città imporrebbe la costruzione di un ampio fronte alternativo, unitario e democratico, con tutti coloro che in questi anni hanno avversato il modo sciagurato di governare il Comune.

Un ampio fronte alternativo, che, sulla base di un programma e di un percorso politico condiviso, chiami a raccolta la parte migliore della società biscegliese e ne promuova la partecipazione.

In questo contesto, non c’è spazio per le precipitose e deleterie fughe in avanti di chi punti a fare il Sindaco a tutti i costi, in una campagna elettorale prematura e permanente.

Rompere l’unità delle forze di opposizione per finalità personali rappresenta un grave errore politico, che rischia di fare il gioco proprio di coloro che si vorrebbe mandare a casa.

Bisogna partire dalle cose da fare e solo dopo si deve decidere, insieme e non dall’alto, chi debba guidare una coalizione alternativa di governo.

Agli uomini politici avveduti si chiede responsabilità, non vanità; generosità, non egoismo incontrollato.

Deve essere chiaro che prima vengono gli interessi della Città e poi quelli, pur legittimi, dei singoli!

Chi ha maturato una presenza importante nelle Istituzioni, ha il dovere di fare un passo non indietro, ma di lato, mettendo a disposizione la propria esperienza e favorendo la formazione di una nuova classe dirigente, a cui lasciare in mani solide, già a partire da oggi, il testimone per il futuro della Città.

Esperienza e nuove generazioni devono costituire il fondamento su cui costruire un avvenire di progresso.

Vanno stigmatizzati coloro che danno ai giovani l’illusione di partecipare a soluzioni programmatiche che, tanto, verranno puntualmente ignorate (ciò che ha fatto Angarano, insegna).

E’ necessario, pertanto, che i giovani non vengano strumentalizzati per portare voti, ma vengano considerati dei reali protagonisti, con tutto l’entusiasmo e la determinazione di cui sono portatori, ma anche con l’umiltà di chi vuole imparare con onestà, per meglio servire la collettività.

Nessuna garanzia di cambiamento può venire da coloro che mettono la propria persona davanti a tutto ed a tutti, che immolano ogni necessaria coerenza ad alleanze spregiudicate e senza scrupoli.

E’ ora di finirla con la proposizione di una miriade di liste civiche fasulle, che costituiscono una perversione della democrazia, un utilizzo strumentale di candidati ed un modo per abbindolare gli elettori.

E che dire della malsana abitudine di taluni di promettere, già oggi, assessorati e cariche istituzionali a chiunque, pur di conquistare consensi?

Questi metodi vanno definitivamente banditi dalla vita pubblica.

Occorre, invece, affermare con forza il principio che la politica debba essere affrontata con spirito di servizio, servendo degli ideali ed affermando, sempre e ad ogni costo, il rispetto della legge, nelle piccole come nelle grandi cose : fare politica per la collettività, non servirsi della politica per se stessi!

Il Partito Democratico di Bisceglie nel 2018 s’inventò un candidato sindaco debole, “per bene” che fosse, spaccò il centrosinistra e determinò la vittoria di Angarano e delle destre, di cui la Città sta pagando le conseguenze.

Mi auguro, come sembrerebbe, che non perseveri nell’errore e lavori per unire e non per dividere,  a tutto beneficio di chi, negli intenti, si vorrebbe sconfiggere.

Mettere bandierine di partito, sempre e comunque, non mi sembra un buon affare e potrebbe favorire un’altra e peggiore sconfitta per la Città.

Né è corretto partecipare al tavolo del centrosinistra e, contemporaneamente,  percorrere in proprio altre strade.

Sia chiaro, però, che un reale processo di cambiamento e di rinascita cittadina deve tenere fuori gli opportunisti, i trasformisti e tutti coloro che, ora da una parte, ora dall’altra, intendono la politica come raggiungimento di un tornaconto personale.

Se si vuole essere credibili verso i cittadini, bisogna tenere questi soggetti fuori da ogni percorso politico.

Bisogna vincere, ma bisogna, successivamente, poter governare senza ricatti.

Coloro che, nelle fila dell’attuale maggioranza di governo cittadino, continuano a sostenere, seppure con il mal di pancia, l’attuale Sindaco, abbiano il coraggio di uscire subito allo scoperto (e non alla fine della consigliatura) e di non essere più complici di scelte amministrative disastrose per la Città e, perfino, pericolose per loro stessi.

Si continui, in conclusione, a lavorare per costruire percorsi politici ed amministrativi unitari e non divisivi, sulla base di un concreto e possibile programma da realizzare, da aprire al coinvolgimento ed al contributo della Città».

 

Lo scrive in una nota l’avv. Francesco Napoletano, consigliere comunale de “Il Faro”- Bisceglie

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

La Notte: «Angarano, a che punto siamo con la realizzazione del programma elettorale del 2018?»

«Sono francamente deluso dalle parole del primo cittadino che ha utilizzato nei miei confronti, solo per aver voluto dare ulteriori osservazioni ai nostri imprenditori e cittadini in relazione alla Legge Regionale 11/2022, su cui ho fornito i miei suggerimenti e che ho votato favorevolmente. Forse, il Primo cittadino dimentica una cosa importante: l’obiettivo di noi […]

Nuove case popolari in zona Crosta, Sindaco: 20 alloggi scorrendo le graduatorie

Nella mattinata di martedì 4 ottobre, il Sindaco Angarano ha effettuato un sopralluogo sul cantiere per la costruzione di nuove case popolari di via Crosta. «Venti nuovi alloggi -scrive il Primo cittadino- che saranno assegnati scorrendo la graduatoria approvata dalla nostra amministrazione. In pochi anni, malgrado la pandemia, abbiamo sbloccato tante procedure burocratico-amministrative che erano […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: