Il Sunia sugli aumenti dei servizi primari: energia elettrica, gas, gasolio e acqua

«Le famiglie riceveranno a breve le bollette dei servizi primari in particolare gas e energia elettrica con un vistoso aumento. Benché gli organi di stampa e informazione ne stiano parlando già da alcune settimane, non sembra vi siano iniziative politiche sul territorio finalizzate a creare una concertazione virtuosa con gli Enti pubblici locali.

 

Il disagio abitativo sarà più evidente nelle prossime settimane. A questo disagio le parti sociali devono dare voce e proporre agli Enti locali soluzioni per contenere l’aumento dei costi abitativi e non solo.

 

Dal 1° gennaio 2022 sono in vigore nuovi prezzi per la materia prima luce e gas, che hanno portato a un aumento dei costi delle bollette: in maggior tutela, infatti, c’è stato un rincaro pari al 55% per la luce e al 41,8% per il gas (fonte ilsole24ore).

 

Come noto il Governo nazionale ha posto in atto una iniziativa finanziaria per far fronte a questi aumenti che per brevità si elencano:

 

  • ha deciso diannullare gli oneri di sistema per la luce fino a 16kWh e di abbassare al 5% l’iva sul gas per usi civili e industriali almeno fino a marzo 2022.
  • ha approvato anche la possibilità per i clienti domestici che dovessero trovarsi in condizioni di morosità di rateizzare i pagamenti delle bollettedei primi quattro mesi dell’anno.
  • il rafforzamento del bonus sociale luce e gas.
  • Infine, notizia non ben diffusa dagli organi di informazione, il mercato tutelato che prevede condizioni economiche di luce e gas definite dall’Authority, la cui scadenza, quindi, non sarà più il 1° gennaio 2023, bensì il 1° gennaio 2024 eppure i call center continua a “infastidire” le famiglie nel cambiare i termini contrattuali facendo finta che non vi sia questa proroga. Nessuno interviene.

Possiamo essere soddisfatti di questi interventi governativi? Riteniamo di no. Questo perché le misure adottate avranno efficacia e breve termine, mentre sappiamo benissimo che le ragioni della geopolitica saranno a lungo termine.

L’aumento delle quote condominiali e delle bollette dei servizi primari degli alloggi colpiranno indistintamente le famiglie con case in proprietà o in locazione, queste ultime già sofferenti per il caro affitto nonché l’inevitabilmente aumento dei servizi comunali.

Il SUNIA ha già chiesto al Governo interventi incisivi e concreti che devono andare oltre la riduzione delle bollette.

 

Cosa fammi le Regioni ed i Comuni? Si sono solo limitati a spegnere qualche lampadina per rappresentare il disagio dei loro cittadini.

Alle Regioni e ai Comuni il SUNIA chiede interventi immediati con fondi straordinari che aiutino le famiglie a sopportare questi aumenti in un periodo di medio termine.

 

Per questo chiediamo un confronto».

Lo dichiara in una nota il segretario provinciale del Sunia Angelo Garofoli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

In vigore a Bisceglie i nuovi orari dei Centri comunali di raccolta dei rifiuti e dell’infopoint

La bella stagione è alle spalle e vanno adeguati anche gli orari degli uffici alle mutate esigenze dei biscegliei. Per questa ragione Green Link -Pianeta Ambiente, l’Ati che gestisce l’Igiene pubblica a Bisceglie, ha predisposto i nuovi orari di apertura quotidiana degli uffici e dei centri comunali di raccolta dei rifiuti. Con il mese di […]

Nuova area mercatale di via San Martino: definito l’assetto dei posteggi per i venditori ambulanti

Con una determina del 29 settembre scorso, la Ripartizione del Comune, settore Ambiente, Suap, Sua, Trasporti e Mobilità, ha deliberato l’assetto definitivo dei posteggi della nuova area Polifunzionale di Via San Martino, a seguito della scelta effettuata dagli operatori economici del mercato settimanale. L’assegnazione ha reso necessarie delle modifiche alla planimetria condivisa e sottoscritta dalle […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: