Sociale, l’ambito Trani – Bisceglie candida progetto per supportare persone senza fissa dimora e in povertà estrema

Il dirigente dell’Ufficio di Piano, a seguito dell’indirizzo ricevuto dal Sindaco Amedeo Bottaro e dal Sindaco Angelantonio Angarano, nonché dagli Assessori alle Politiche Sociali di Trani e Bisceglie Alessandra Rondinone e Roberta Rigante, conferma la propensione dell’Ambito Territoriale ad intercettare nuove linee di finanziamento per il potenziamento dei servizi e interventi in favore della cittadinanza ed in particolare in favore delle fasce più fragili della popolazione.

 

Nel dettaglio, l’Ufficio di Piano ha candidato, a valere sulle risorse ministeriali del PON Inclusione, un progetto finalizzato a supportare le persone senza fissa dimora o in situazione di povertà estrema o marginalità, ovvero persone vittime degli effetti sociali della pandemia da COVID-19, assicurando sul territorio di Trani e Bisceglie i livelli essenziali come definiti dal “Piano per gli Interventi e i servizi sociali di contrasto alla povertà per il triennio 2021-2023”:

 

AZIONE A “Pronto Intervento Sociale” che si attiva per la gestione della prima urgenza e per bisogni indifferibili che richiedono l’immediata protezione della persona.

 

AZIONE B “Accesso alla Residenza Anagrafica e servizi di Fermo Posta” attraverso un servizio di supporto ed accompagnamento all’iscrizione anagrafica e attivazione del servizio di fermo posta per le persone senza dimora, presenti sul territorio di Trani e Bisceglie, coadiuvando gli interessati nella compilazione della richiesta di residenza e nel reperimento e presentazione dei documenti necessari, per l’esercizio della cittadinanza attiva.

 

AZIONE C “Centri servizi per il contrasto alla povertà e servizi di Housing First” attraverso l’attivazione di un Centro servizi “leggero” (sportello multifunzione), quale presidio sociale e sanitario e di accompagnamento per persone in condizione di deprivazione materiale, di marginalità anche estrema e senza dimora.

Lo Sportello Multifunzione opererà in rete con le organizzazioni del Terzo settore e sarà integrato pienamente nel contesto territoriale, in raccordo con l’Ufficio di Piano, il Servizio Sociale Professionale di Trani e Bisceglie, con la Rete Territoriale con i referenti del progetto contro gli sprechi alimentari e farmaceutici e con la ASL.

 

Le tre azioni saranno rivolte anche a quella parte della popolazione la quale, a causa della mancanza di una rete di prossimità, di inadeguate condizioni abitative ed igienico-sanitarie, a seguito della pandemia da COVID-19 è stata colpita da forme gravi di deprivazione materiale, necessitando oggi di percorsi di orientamento e/o accompagnamento.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Dubbi sui concorsi e proroga del servizio di igiene urbana: Consiglio rinviato sulle interrogazioni di Spina

«Interrogazioni su concorsi e proroghe igiene urbana : Angarano e la SVOLTA SI danno alla fuga e non rispondono. CONSIGLIO RINVIATO. Nessuna risposta politica scritta come prevede la legge. Nessuna presenza dei consiglieri di maggioranza (ad eccezione del consigliere Carelli), con il consigliere di maggioranza più illustre (il sindaco) “latitante”. Brutta pagina delle istituzioni, mai […]

Porto turistico sempre più accessibile, presentata l’area per attività veliche e sportive per tutti

Garantire la possibilità di effettuare attività veliche e sportive multidisciplinari a persone con disabilità e normodotate. È il senso degli interventi realizzati al porto turistico di Bisceglie dal Circolo della Vela, in collaborazione con Bisceglie Approdi e il Comune di Bisceglie. Il progetto, cofinanziato dalla Regione Puglia, è stato illustrato alla Città nel pomeriggio di ieri alla darsena di nord […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: