Presentazione libro Veneziani alle Segherie, Silvestris: “Lavoro che fa riflette sulla contemporaneità”

Nelle Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie, che hanno registrato per l’occasione il tutto esaurito, il giornalista e scrittore Marcello Veneziani ha presentato il suo nuovo libro, edito da Marsilio, “La Cappa”.Accompagnato dal professor Luciano Gigante, Veneziani ha indirizzato ai tempi che stiamo vivendo una critica analitica e profonda.Realizzata in collaborazione con l’associazione “Borgo Antico” di Bisceglie, la serata ha mirato su una vera e propria indagine sulle radici del nostro vivere. L’autore si interroga, con il suo volume, sulla scomparsa della realtà, della tradizione, della natura e mette in evidenza un’adesione quasi scontata e automatica al canone dominante, tra divieti e obblighi veicolati da media e da poteri.Un percorso pensato e razionale tra follie odierne e tabù vigenti, ma anche un esercizio di critica per vivere il presente senza subirlo. Intenzione e obiettivo finali sono quelli di tentare un assalto al cielo per liberarlo, per l’appunto, dalla Cappa.«Di grande interesse il nuovo libro dell’amico e concittadino Marcello Veneziani», ha dichiarato il presidente dell’associazione Borgo Antico, Sergio Silvestris. «Un lavoro che aiuta molto a riflettere sulla contemporaneità, sulle dinamiche spesso illogiche del mondo moderno e sul bisogno di liberare i nostri orizzonti dalla cappa che spesso ci opprime».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

“Festival San Miniato Movie”: De Ceglia vince il primo premio, ma già pensa al futuro

Collezionista di successi. A noi sta bene così, perlomeno tiene alto il nome della nostra città. Luca De Ceglia se ne torna dalla Toscana ricco di soddisfazioni, con la consapevolezza di aver raggiunto un altro ambito traguardo, con la gioia nel cuore e già pronto a rimettersi in gioco.

La Cassa Armonica, l’Orchestra e la cultura musicale in agonia

Quel che resta della parte culturale della festa. Una cultura musicale che va pian piano allontanandosi dai nostri piaceri. Per volontà nostra. L’Orchestra e le opere che esegue, gratuitamente (e lo voglio sottolineare), sono ormai prelibatezza per pochi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: