Estate Biscegliese, Di Leo: «Quali programmi sono previsti? Siamo quasi a maggio…»

«La nostra città, durante il periodo estivo, è una meta desiderata dove poter trascorrere spensieratamente il proprio tempo. A tal proposito, chiedo all’attuale amministrazione: quali programmi sono previsti per l’estate biscegliese? Maggio è alle porte e, ad oggi, non vi è neanche l’ombra di un principio di programmazione. Molfetta, ad esempio, ha già stilato un’imponente serie di eventi con artisti di fama nazionale che allieteranno le serate dei loro concittadini e che incrementeranno l’afflusso di turisti. Il Comune di Trani ha partecipato alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo) presentando il proprio cartellone.

 Bisceglie, invece, non è pervenuta. Spesso, populisticamente, sono state mosse critiche riguardo la bontà di questi grandi eventi: io, invece, credo possano essere un volano per l’economia locale. Lo credono anche Confcommercio e AGIS (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo), che, nel 2017, hanno pubblicato un documento realizzato dal CISET (Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica). Cito l’incipit: <

«Vorrei rivolgere a chi di competenza una serie di osservazioni, con la speranza che possano pervenire risposte concrete, possibilmente non sui social network. Lo scorso anno, con una Delibera di Giunta, è stato presentato l’avviso pubblico “Bisceglie tutto l’anno”. Di questo avviso, da me criticato per la mancanza di “coraggio”, si sa ben poco. Forse non aiuterebbe a raggiungere i risultati passati della nostra città, ma sarebbe in grado, quantomeno, di aggiungere colore alla “bella stagione”. Auspicando sempre che non ci siano il solito gruppo di persone o la solita band pronti ad esibirsi e ad esporsi. Sarebbe altresì interessante capire se è prevista l’apertura dei musei presenti nella nostra città.

Sono amareggiato e stanco. Stanco come la cittadinanza che non può più attendere i risultati di una Svolta davvero fallimentare. Il programma presentato nel 2018 avrebbe dovuto stravolgere la città: oggi, a quattro anni di distanza, possiamo dire che il fumo negli occhi non fa politica. La città è peggiorata e ci sono tanti rimpianti per le nostre numerose proposte rimaste inascoltate, esattamente come quelle di chi le ha avanzate dai banchi di opposizione. Quella parte di opposizione vera, che, differentemente da chi attacca a telecamere accese e poi concretamente sostiene l’amministrazione, non fa sconti e che ha a cuore il bene della città». Conclude Di Leo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

La Notte: l’Ospedale di Bisceglie merita il primo livello

«Ieri mattina, nelle mie prerogative di consigliere regionale, ho voluto visitare l’ospedale di Bisceglie per verificare lo stato di avanzamento dei lavori, per la realizzazione dei quali mi ero impegnato qualche mese fa, relativi alla riattivazione di ostetricia, al nuovo laboratorio di analisi e al nuovo pronto soccorso. Mi hanno accolto il direttore generale della […]

Manovra, Ricchiuti (FdI): massimo impegno in favore delle Pmi

“Nel mio intervento al convegno organizzato a Bisceglie sulla ZES Adriatica, presente il commissario straordinario del governo ed una platea di cittadini e imprenditori, ho ribadito il massimo impegno e sensibilità di Fratelli d’Italia in favore delle PMI illustrando i primi passi già presenti in questa prima legge di bilancio che delineano la mission che […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: