Crac ‘Casa Divina Provvidenza’, tre imputati assolti in appello

La Corte di Appello di Bari ha assolto “perché il fatto non sussiste” i tre imputati nel processo-stralcio con rito abbreviato per il crac da 500 milioni di euro della vecchia gestione della casa di cura ‘Casa Divina Provvidenza di Bisceglie’.

In particolare i giudici hanno ritenuto insussistente l’accusa di concorso in bancarotta preferenziale contestata dalla Procura di Trani all’allora rappresentante sindacale aziendale dell’ente Michele Perrone, all’ex consulente fiscale della Casa Divina Provvidenza, Antonio Damascelli e all’imprenditore Luciano Di Vincenzo, amministratore di Ambrosia Technologies, società che forniva i pasti ai degenti della struttura. I tre in primo grado, nell’ottobre 2018, erano stati condannati a pene comprese tra 1 e 2 anni di reclusione e al risarcimento dei danni in favore della Congregazione Ancelle Divina Provvidenza.

Nei confronti di altri 11 imputati, tra i quali l’ex senatore di Forza Italia Antonio Azzollini, condannati in primo grado con rito ordinario, pende tuttora il processo d’appello.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Maratona delle Cattedrali, danni e disagi alla circolazione. “Prima bloccati in macchina per oltre un’ora, poi 1 km a piedi con il pancione!”

Bisceglie – Nella mattinata di domenica 8 maggio, si è svolta la sesta edizione della “Maratona della Cattedrali” con i suoi canonici 42.195 Km, toccando Barletta, Bisceglie, Trani, Molfetta e Giovinazzo. Le avverse condizioni climatiche non hanno frenato gli otre mille atleti e podisti che hanno partecipato alla manifestazione, trecento dei quali giunti per l’occasione […]

Appalti ristrutturazione stazione Bisceglie, il clan dei Casalesi sarebbe implicato nei lavori. Rete Ferroviaria Italiana “parte lesa”

Sarebbe Leonardo Loiacono il funzionario di rete Ferrovia Italiana e direttore dei lavori della TEC Srl arrestato dai Carabinieri di Napoli il presunto collettore tra il famigerato clan camorristico dei “casalesi” e gli appalti per le ristrutturazioni e ampliamento delle stazioni ferroviarie di Molfetta, Trani, Bisceglie, Santo Spirito, bari Nord, Barletta e Taranto. Loiacono è […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: