La scrittrice Edith Brucksi racconta davanti a tantissimi ragazzi a “Le Vecchie Segherie” di Bisceglie

Più di tanti libri e di tante pagine studiare sui banchi di scuola,fanno le testimonianze e gli esempi di vita vissuta.

È stata un’emozione indescrivibile poter ascoltare dalla voce di Edith Bruck la testimonianza sincera e diretta di una delle pagine più atroci della storia dell’uomo, che la scrittrice ungherese ormai da decenni racconta nei libri, nelle poesie, nelle conversazioni pubbliche, in quella lingua, l’italiano, che non è la sua, ma che tuttavia le ha consentito di tenere sempre alla giusta distanza l’incandescenza dolorosa e angosciante del ricordo.

Cento ragazzi e ragazze del percorso I SoGNALIBRI hanno potuto rivolgere alla signora Bruck le loro domande, preparate dopo aver attentamente letto il libro “Il Pane Perduto” (La Nave di Teseo) sotto la guida dei tutor. Anche loro, come i promotori dell’iniziativa, conserveranno nel cuore le parole di chi è riuscito, nonostante le atrocità viste e subite, a conservare l’attaccamento alla vita di quando era solo una bambina, non permettendo mai all’odio e alla sete di vendetta di prevalere.

Edith Bruck  ha raccontato ai numerosi ed attenti presenti che, dopo essere scappata con sua sorella dal campo di Bergen Belsen, ha ricominciato a vivere pensando a cinque piccoli gesti di umanità che aveva incontrato nell’orrore generale, a cinque luci nel buio che avevano “illuminato” la lunga prigionia e che le avevano permesso di sperare ancora nel bene. ” “Utilizzeremo anche noi la sua preziosa testimonianza come una luce in grado di illuminare il nostro cammino, per non dimenticare mai che per vivere in pace non c’è altra soluzione che smettere di odiare“, dicono gli organizzatori.

E concludono:”Grazie alle Vecchie Segherie Mastrototaro per averci ospitato ancora una volta all’interno della libreria più bella d’Italia

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pietro Casella premiato al Concorso Internazionale di Poesia “Città del Galateo – Antonio De Ferrariis”

I lavori letterari di Pietro Casella ricevono un altro prestigioso riconoscimento. Il Premio internazionale di eccellenza “Città del Galateo – Antonio De Ferrariis”, insignito della medaglia del Presidente della Repubblica, consegnerà all’avvocato biscegliese un riconoscimento speciale per la riflessione in versi alla raccolta inedita dal titolo “Henosis” che sarà edita dalla casa editrice Giuseppe Laterza. […]

Vecchie Segherie Mastrototaro: Massimiliano Ancona presenta La bella e il campione. Le fiamme e il sepolcro imbiancato. Quel terribile 1991

Giovedì 29 settembre alle ore 19.00 alle Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie Massimiliano Ancona, accompagnato da Pino Di Bitetto, presenta La bella e il campione. Le fiamme e il sepolcro imbiancato. Quel terribile 1991, edizioni Wip, ingresso gratuito sino ad esaurimento posti disponibili per informazioni 0808091021 e [mailto:info@vecchiesegherie.it)]info@vecchiesegherie.it L’Europa che cambia, le ultime “grandi guerre”, popoli in movimento e colpi di Stato. […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: