FOTOGRAFATI I PRIMI SPORCACCIONI. MULTE SALATE IN ARRIVO.

Le fototrappole attivate da qualche giorno cominciano a dare i primi risultati. Sono state estrapolate alcune foto che riproducono le violazioni del regolamento di igiene urbana. In particolare, potrebbero profilarsi responsabilità di carattere penale, oltre alla sanzione amministrativa di 500 euro, sia per quanto concerne l’abbandono dei rifiuti sia per quanto concerne l’incendio degli stessi.
“ Trasmetteremo gli atti alla Procura della Repubblica – ha dichiarato il Sindaco Spina – per verificare anche le eventuali responsabilità penali dei soggetti individuati. La Polizia Municipale ha individuato in questi giorni circa venti
soggetti responsabili di abbandono di rifiuti: Si attende ora la risposta forte e corale della comunità. Le Istituzioni fanno la loro parte
ma occorre che i cittadini diventino a loro volta soggetti attivi nelle operazioni di controllo del territorio segnalando e fotografando atti illeciti di abbandono dei rifiuti.
Quella parte politica che mira a coprire gli “sporcaccioni” (che sono anche quelli che evadono la TARI) creando confusione ad arte e attribuendo la responsabilità degli abbandoni solo ai rappresentanti delle istituzioni, recuperi il senso etico dell’amore per la città e, piuttosto che sproloquiare volgarità demagogiche, contribuisca ai processi culturali di crescita della città e all’individuazione di chi la deturpa.”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Intossicazioni da tonno sofisticato, esposto Codici in procura

Dopo le perquisizioni eseguite dai carabinieri del Nas (Nucleo antisofisticazioni e sanità) di Bari disposte dalla procura di Trani (Bat) nell’ambito dell’inchiesta avviata in seguito all’intossicazione alimentare per il consumo di tonno a pinna gialla, l’associazione Codici ha presentato un esposto. «Abbiamo deciso di intervenire per tutelare i consumatori, che hanno visto mettere a rischio […]

Intossicazioni per tonno sofisticato, 9 perquisizioni. Nei guai anche un’azienda di Bisceglie

Nove decreti di perquisizione sono stati eseguiti all’alba dai militari del Nas (Nucleo antisofisticazioni e sanità) di Bari, Napoli Taranto, Foggia, Campobasso e Salerno con il supporto dei comandi provinciali dei carabinieri, a carico di imprenditori e dipendenti di aziende ittiche, ritenuti responsabili, a vario titolo, di contraffazione di sostanze alimentari, frode nell’esercizio del commercio, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: