Recuperiamo il centro storico, la proposta al Sindaco del gruppo “Bisceglie Civile”

10 Luglio 2017 0 Di ladiretta1993

A nome dei cittadini del gruppo “Bisceglie civile”, sottopongo all’attenzione dell’Amministrazione comunale la proposta in oggetto.

I centri storici del nord barese sono stati oggetto, negli ultimi anni, di cospicui interventi di ristrutturazione, manutenzione e recupero di edifici e spazi pubblici e privati.

In questo contesto, il centro storico di Bisceglie risulta essere, attualmente, tra i più trascurati. Moltissimi edifici non sono ancora stati oggetto di interventi di recupero, numerosi di essi sono stati puntellati per problemi statici; gli interventi effettuati, in assenza di vincoli specifici, sono stati sovente poco rispettosi delle caratteristiche storico-architettoniche delle strutture. In Strada Balestrieri (fig. 3), sussiste una casa-torre che, secondo gli studiosi, sarebbe coeva o appartenente all’antico casale di Vigiliae e solo in un secondo momento sarebbe stata inglobata nel tessuto urbano. L’edificio è in avanzato stato di abbandono e degrado: per quello che è dato osservare dall’esterno, i solai sono crollati e della struttura resiste poco più che il nudo involucro. Al fianco nord-orientale della casa-torre è addossato un fabbricato attualmente interessato da lavori di restauro che, almeno a giudicare dal confronto con lo stato precedente, sembra ne stiano alterando la struttura muraria (una grande apertura ad arco ed un balcone al primo livello, di nuova fattura, hanno sostituito le più modeste aperture esistenti cfr. figg. 1, 2, 3). Sono soltanto due tra i molteplici esempi di mancati interventi o di interventi da sottoporre a verifica che si potrebbero enumerare.

Bisceglie civile – Proposte per la Città” propone e chiede al Comune di Bisceglie, per quanto consentito e imposto dagli strumenti di legge, di interessarsi attivamente del recupero e della tutela del prezioso patrimonio storico-culturale costituito dal nostro centro storico, nonché di vigilare sulla corretta applicazione del Regolamento edilizio comunale vigente.

A questo scopo, si richiede di effettuare uno screening dettagliato degli interventi strutturali compiuti ed in fase di esecuzione, che consenta di individuare eventuali abusi, in merito ai quali il Comune, quale ente preposto alla vigilanza, è tenuto ad allertare la competente Soprintendenza (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.P.R. 380/2001).

Indispensabile appare, inoltre, un censimento degli edifici storici da recuperare con urgenza, quale strumento per predisporre misure di sollecito e di incentivo economico alla ristrutturazione.

Infine, come già caldeggiato in un’altra proposta di Bisceglie civile, sarebbe più che mai doveroso, dati questi presupposti, che il Comune istituisse un organo di controllo, afferente all’Ufficio tecnico, che vigili sul rispetto del Regolamento comunale e delle norme in materia di beni culturali e del paesaggio e che, coinvolgendo gli ordini professionali (architetti, geometri e ingegneri), punti anche alla valorizzazione delle risorse locali.

La nostra identità culturale è indissolubilmente legata al nostro patrimonio storico-architettonico e artistico; per paradosso, l’abbandono più che decennale del nostro centro storico ha permesso di ridurne le alterazioni e preservarne un inestimabile carattere di “autenticità”. La consapevolezza attuale e gli strumenti tecnici e normativi a disposizione devono puntare ad obiettivi di recupero e tutela che si configurano come un atti non più procrastinabili, anche a fini di fruizione turistica.

Fiduciosa in un positivo riscontro, a nome di “Bisceglie civile” porgo

Cordiali saluti

Per “Bisceglie civile – Proposte per la città”

La portavoce Grazia Amoruso