I bidoncini per i bisogni dei cani? Mai acquistati dalla Camassa

Dopo il diverbio politico tra il rappresentante dell’amministrazione comunale e un esponente dell’opposizione sulla possibilità di installare per le vie di Bisceglie i bidoncini per le deiezioni dei cani, a cui seguì la precisazione del Sindaco che «ai sensi dell’art.17 dell’offerta progettuale oggetto di aggiudicazione, e accettata dalla ditta Ambiente 2.0, dovranno essere forniti, senza ulteriori pagamenti del Comune di Bisceglie, 20 “cestini”»,  si scopre che la Camassambiente non avrebbe mai provveduto all’acquisto degli stessi, o perlomeno non li avrebbe mai resi nelle consegne di gestione alla nuova azienda Ambiente 2.0.

«Intanto, mentre molti vanno in vacanza, noi intensificheremo i controlli e saremo presenti sempre per far rispettare gli impegni contrattuali ai gestori del servizio di igiene urbana¨, riferì Spina in quella circostanza, forse all’oscuro di questo piccolo particolare. E su questo non gli si possono addossare colpe o puntare contro indici. 

Intanto Ambiente 2.0 ha recepito la sollecitazione del Sindaco di Bisceglie e sta provvedendo all’acquisto, di tasca propria, dei 20 bidoncini, quasi fossero spese fuori bilancio, non previste. Ma sicuramente i tempi per l’installazione per le arterie cittadine non saranno molto brevi.

 

MAURIZIO RANA

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Maratona delle Cattedrali, danni e disagi alla circolazione. “Prima bloccati in macchina per oltre un’ora, poi 1 km a piedi con il pancione!”

Bisceglie – Nella mattinata di domenica 8 maggio, si è svolta la sesta edizione della “Maratona della Cattedrali” con i suoi canonici 42.195 Km, toccando Barletta, Bisceglie, Trani, Molfetta e Giovinazzo. Le avverse condizioni climatiche non hanno frenato gli otre mille atleti e podisti che hanno partecipato alla manifestazione, trecento dei quali giunti per l’occasione […]

Appalti ristrutturazione stazione Bisceglie, il clan dei Casalesi sarebbe implicato nei lavori. Rete Ferroviaria Italiana “parte lesa”

Sarebbe Leonardo Loiacono il funzionario di rete Ferrovia Italiana e direttore dei lavori della TEC Srl arrestato dai Carabinieri di Napoli il presunto collettore tra il famigerato clan camorristico dei “casalesi” e gli appalti per le ristrutturazioni e ampliamento delle stazioni ferroviarie di Molfetta, Trani, Bisceglie, Santo Spirito, bari Nord, Barletta e Taranto. Loiacono è […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: