Ecco come sono maturati e spesi i 16mila euro per il “Premio Sarnelli”

Ci sono 700 euro spesi per il servizio fotografico, e ben 3500 euro di hotel per pernottamenti, pranzi e cene. Poi le buste, quelle raffiguranti Mons. Sarnelli: qui con le spese arriviamo a 3mila euro. Queste sono solo alcune delle voci della contestata annuale kermesse dedicata al “Premio Sarnelli”, e denunciata ieri sulla pagina di Facebook “Brontolo di Bisceglie”, gestita da Pasquale Caprioli.

Qualche commentatore aggiunge un passaggio ripreso da altra testata giornalistica: ” Il tutto è stato deciso all’unanimità dai membri della giunta nell’ambito del patrocinio che l’amministrazione comunale garantisce annualmente all’evento per il suo impatto turistico-culturale.(cit.B24)“.

Non sappiamo cosa siano i 900 euro di “cofanetti”, ma sono stati spesi; forse rappresentavano qualcosa tipo bombonieri che si omaggiano a fine cerimonia agli invitati. Più chiara, invece, la voce, chiamiamola vociona, di 3500 euro spesi per “Presentatore, pedana, sedie e viaggi ai premiati”. Inoltre, 1300 euro per la “tipografia, manifesti, inviti e pergamene”, 1600 euro per servizio e luci, 800 euro per “addobbo floreale e bouquet”.

Insomma, senza farla lunga, la linea totale raggiunge 16mila euro di denaro speso.

Sia ben chiara una cosa: non è un reato spendere quel denaro, spenderlo in quel modo, destinarlo a questa cerimonia di premiazione. Del resto a “Sarnelli” un pensiero è giusto che andasse rivolto. Tutto questo si chiama “politica amministrativa”, “svolgimento del programma elettorale”. “Scelte politiche”, condivisibili o meno, ma fanno parte dei poteri conferiti dagli elettori ai Amministratori, quando -in maggioranza- hanno scelto di affidargli la macchina amminisrativa e burocratica della città.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Sicurezza e legalità, Unionecommercio: Nitti suona la sveglia nella Bat

L’intervento del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trani, dott. Renato Nitti, sembra aver scosso un territorio notoriamente ultimo in Italia nelle cose belle e buone e primo in quelle brutte e cattive. Come al solito non le manda a dire il Presidente Unibat, Savino Montaruli, che aggiunge.: “il Procuratore suona la sveglia in […]

Permeabilità alle mafie. Per Eurispes-DNA, BAT peggio della provincia di Matteo Messina Denaro

Come rispondono i nostri sindaci, il prefetto, i parlamentari del territorio all’appello del Procuratore Nitti? L’appello del Procuratore della Repubblica di Trani, Renato Nitti, rompe il velo di omertà e d’ipocrisia delle istituzioni locali sul fenomeno della penetrazione delle mafie nella nostra provincia. Non serve andare di fioretto, quando si analizzano certi fenomeni. Bisogna mettere […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: