Rifiuti, finchè Trani ci viene in soccorso l’epidemia ritarda

E’ notizia di questa mattina, de “Il Giornale di Trani” dal quale “rubiamo informazione e foto” (ci perdoni) che denuncia una nuova emergenza che la città a noi vicina sta iniziando ad affrontare. Per colpa nostra.

Si tratta dell’abbandono, in grande quantità, dei rifiuti lungo la statale 16, che collega le due città.

E’ da tempo che questa testata denuncia l’insuccesso ottenuto dal porta a porta, e nella fattispecie dei mastelli, odiati da tutti e non fatti entrare nelle case di numerose famiglie, soprattutto quelle che non dispongono di un balcone, che vivono nei sottani, che abitano in pochissimi metriquadri, che hanno un nucleo familiare composto da anziani o disabili.

La soluzione, che stiamo sottoponendo da tempo e sulla quale adozione anche   Alfonso Russo è favorevole, è l’introduzione di bidoni condominiali, o bidoni sotterranei disseminati per l’intera città.

A Trani, a seguito di rimostranze dei residenti lungo la statale, che hanno minacciato di non pagare più la Tari se il servizio non fosse stato offerto anche nelle vicinanze delle loro abitazioni, il Comune ha provveduto a posizionare molti bidoni in ferro lungo quell’arteria, ma se da una parte ha esaudito le richieste di quei residenti, dall’altra ha incrementato l’afflusso di biscegliesi che conferiscono i rifiuti in quei cassonetti, fermandosi lungo la statale con l’auto, depositando i sacchetti dei rifiuti, per poi tornarsene a casa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Bisceglie. Droga ed esplosivo in casa: arrestati madre e figlio

Avevano in casa cocaina e hashish, il materiale utile al confezionamento delle dosi di droga, 4mila euro in contanti e in banconote di piccolo taglio oltre a esplosivi sistemati in scatole di cartone nello scantinato. Per questo, una donna di 68 anni e suo figlio di 37 sono stati arrestati dai carabinieri a Bisceglie. Sono […]

Minacce a testimoni, condanne definitive per due ex pm Trani

Sono diventate definitive, dopo che la Cassazione ha rigettato i ricorsi della difesa, le condanne per due ex pm del Tribunale di Trani, Michele Ruggiero e Alessandro Pesce, rispettivamente alla pena di 6 mesi e a 4 mesi di reclusione per concorso in tentata violenza privata. Ora i due magistrati sono in servizio come sostituti […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: