Inchiesta Casa Divina Provvidenza: Azzollini rinviato a giudizio senza l’accusa più grave di associazione a delinquere

foto Ansa

Che il senatore Azzollini finisse con l’essere giudicato in Tribunale era già previsto. Ma il processo per il crac della Casa Divina Provvidenza di Bisceglie, per lui è in discesa: non dovrà difendersi dall’accusa più grave di associazione a delinquere, reato per il quale la legge italiana prevede condanna quasi decennale.

Insieme con il Senatore molfettese, a processo sono state chiamate altre 17 persone. Lo ha deciso la Procura di Trani che si è occupata delle indagini preliminari.  L’udienza per decidere il rinvio a giudizio è fissata per il 31 gennaio 2018, davanti al Gup di Trani, Angela Schiralli.

Ad incidere sulla decadenza dell’accusa più grave per Azzollini la conseguenza del Tribunale del riesame di Bari che alcuni mesi fa ha dichiarato la non sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza  proprio per l’associazione per delinquere e per un episodio di bancarotta in relazione alla posizione del senatore , per il quale il Gip di Trani, Volpe, aveva chiesto l’autorizzazione all’arresto ai domiciliari nel giugno del 2015.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid: in Puglia 954 nuovi casi e 14 decessi

Oggi in Puglia, a fronte di 8.623 test per l’infezione da Covid-19,sono stati registrati 954 casi positivi: 333 in provincia di Bari, 45 in provincia di Brindisi, 111 nella provincia BAT, 213 in provincia di Foggia, 75 in provincia di Lecce, 174 in provincia di Taranto, 3 casi di provincia di residenza non nota. Sono stati, […]

“Italia in Comune”, Elezioni Regionali: Tar, non si può dare voti presidente a liste

“La legge elettorale pugliese non contiene alcuna disposizione che legittimi la ripartizione dei voti espressi per il solo presidente tra le liste allo stesso collegate”. E’ la motivazione con la quale i giudici del Tar Puglia hanno rigettato nei giorni scorsi il ricorso presentato dal gruppo politico “Italia in Comune”, escluso dal Consiglio regionale, che chiedeva “la […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: