Discariche abusive in città

Discariche abusive sotto i ponti. Oppure, una discarica al giorno toglie la Tari di torno. Si potrebbero coniare mille modi per descrivere il livello di inciviltà di alcuni biscegliesi che alla raccolta differenziata preferiscono il molto più sbrigativo sistema del liberarsi di qualsiasi genere di rifiuto “là dove non ti vede nessuno”.

Ma lo spettacolo di indecenza, nonché di reale pericolo igienico sanitario, che offre l’intersezione tra via Lago di Lauro, via Crosta e via Cavour, sotto il cavalcavia che supera la linea ferroviaria, non penso che sia superabile in nessun’altra parte di Bisceglie: mobili vari, poltrone, divani, televisori, frigoriferi, materassi, detriti di ristrutturazioni edilizie, vasche da bagno, wc, lavandini, scarti di giardinaggio, cartacce, contenitori di plastica, cassette di polistirolo maleodoranti di pesce che diffondono un fetore insopportabile in  tutta l’area circostante, è quanto si può trovare e constatare se si riesce a resistere più di qualche minuto anche per un rapido sopralluogo. E’ quello che ha fatto “il Biscegliese”, invitato  a rendersi conto della situazione da alcuni residenti in zona, esasperati per l’assenza di interventi risolutori o dissuasivi  da parte degli organi competenti, cui più volte hanno segnalato lo stato di degrado e di pericolo esistente. E’ una bomba ecologica che non può essere ignorata ulteriormente, che va disinnescata quanto prima, anche perché non intervenire equivale a dichiarare l’area “zona franca” dove impunemente si può compiere qualsiasi delitto ambientale.

E’ davvero incomprensibile il comportamento di questi nostri concittadini, che meriterebbero di essere privati della cittadinanza per lo sfregio che compiono quotidianamente al decoro e al buon nome della loro città. Che preferiscono raggiungere le strade di periferia e insozzarle, rischiando anche multe salate o una denuncia penale, piuttosto che portarsi nelle più vicine e comode isole ecologiche e conferire i loro rifiuti correttamente.

Come Redazione, ci auguriamo che con l’uscita del numero di agosto del giornale (ndr, il riferimento è a “Il Biscegliese”, in edicola questo mese, giornale per il quale l’articolista collabora) il Comune abbia già risolto il problema, pulito l’area, individuato e punito gli incivili, ma non possiamo esimerci dal cogliere l’occasione per invitare i nostri Amministratori a non lasciare cadere nel vuoto le segnalazioni, anzi, ad incoraggiarle, a dare loro seguito. In materia di igiene e pulizia della città la collaborazione permanente tra istituzioni e cittadini deve essere la carta vincente. Invece, spesso, chi segnala è visto come un rompiscatole da liquidare con uno sbrigativo “provvederemo”.

Sull’area in questione, oltre alla rimozione dei rifiuti, occorre intervenire sul deflusso delle acque piovane lungo il muro che costeggia la ferrovia, ove non sono stati previsti sbocchi e, sistematicamente, ad ogni pioggia, la sede stradale s’allaga.

Pasquale Consiglio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Parrocchia San Pietro, la Madonna di Fatima a Bisceglie dal 7 al 13 ottobre 2022

In occasione del cinquantesimo anniversario di istituzione della Parrocchia “San Pietro”, arriverà a Bisceglie l’immagine della Madonna proveniente dal Santuario di Fatima in Portogallo. Questo evento di grande valenza spirituale ed educativa si pone in un anno particolare per la comunità parrocchiale che vive il Giubileo arricchito dal dono dell’indulgenza plenaria che tutti possono ricevere […]

In vigore a Bisceglie i nuovi orari dei Centri comunali di raccolta dei rifiuti e dell’infopoint

La bella stagione è alle spalle e vanno adeguati anche gli orari degli uffici alle mutate esigenze dei biscegliei. Per questa ragione Green Link -Pianeta Ambiente, l’Ati che gestisce l’Igiene pubblica a Bisceglie, ha predisposto i nuovi orari di apertura quotidiana degli uffici e dei centri comunali di raccolta dei rifiuti. Con il mese di […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: