IL SILENZIO (Le Poesie di Pasquale Consiglio)

Amo il silenzio che incontro a fatica

Amo le voci di madre Natura

Cerco la quiete perché mi sia amica

ma trovo parole di bassa statura

Quanto si parla ai tempi moderni!

I suoni dell’uomo son minuti sottratti

a vergare pensieri su fogli o quaderni

a meditare su uomini e fatti

Son circondato da gente vociante

che parla solo per fare carriera

E non s’accorge che il suo mondo è distante

da chi con le braccia suda il pane ogni sera

Tremo al pensiero che il nostro destino

è nelle mani di chi sa sol parlare

Poco importa se riflette o se è il vino

a suggerirgli quel che noi dobbiam fare

Gente che in vita non ha mai lavorato

troppo occupata ad emettere suoni

Per il piacere di sentirsi acclamata

da compagni di viaggio altrettanto felloni

Amo il silenzio ch’è merce scomparsa

eppure è dentro ad ognuno di noi

Diamogli spazio e non terra arsa

nasceranno più saggi e credibili eroi

Che prima ancora di farsi sentire

han riflettuto e a lungo pensato

come dir cose giuste e farsi capire

da chi gli ha dato fiducia e mandato

PASQUALE CONSIGLIO

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

“Festival San Miniato Movie”: De Ceglia vince il primo premio, ma già pensa al futuro

Collezionista di successi. A noi sta bene così, perlomeno tiene alto il nome della nostra città. Luca De Ceglia se ne torna dalla Toscana ricco di soddisfazioni, con la consapevolezza di aver raggiunto un altro ambito traguardo, con la gioia nel cuore e già pronto a rimettersi in gioco.

La Cassa Armonica, l’Orchestra e la cultura musicale in agonia

Quel che resta della parte culturale della festa. Una cultura musicale che va pian piano allontanandosi dai nostri piaceri. Per volontà nostra. L’Orchestra e le opere che esegue, gratuitamente (e lo voglio sottolineare), sono ormai prelibatezza per pochi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: