Bollo auto, in arrivo stangata?

Un bollo auto progressivo, più caro per le macchine maggiormente inquinanti. E’ questa l’ipotesi già ventilata a giugno dal Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda e che ora è sul tavolo della Commissione ambiente del Senato.

L’idea è quella di calcolare il costo del bollo in base al tasso di inquinamento del veicolo e non più in base alla potenza del motore. Più l’auto inquina, quindi, più la tassa sul bollo sarà elevata. Ad essere penalizzate saranno dunque le auto di categoria Euro 3, altamente inquinanti.

“Questa ipotesi – spiega all’AdnKronos Laura Puppato, senatrice Pd e componente della Commissione ambiente del Senato – rientra in una prima fase di avvio di un tipo di valutazione economica basata non sono sul PIL, ma anche sulla sostenibilità e sulla giustizia ambientale. Il 2017 è stato il primo anno in cui alcuni indicatori del Benessere Equo e Sostenibile sono entrati nella manovra finanziaria”. Un approccio che la senatrice definisce “rivoluzionario”. L’iniziativa rientra dunque nel tentativo di sensibilizzare la società al tema della sostenibilità. “La speranza – conclude la senatrice Puppato – è che questa iniziativa possa essere inserita nella Legge di Bilancio 2018”. Se così fosse, la novità verrebbe adottata già il prossimo anno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Il Comune di Bisceglie stanzia un contributo di 3500 euro in favore di una “Missione per conto di Dio”

La Diretta aveva ripreso nella giornata di ieri un post/comunicato del sindaco Angelantonio Angarano che elogiava l’iniziativa “I Bike Brothers – La nostra missione per conto di Dio”. Si tratta di una maratona ciclistica che ha unito le città di Cuneo e Bisceglie, partita in Piemonte lo scorso 11 giugno e conclusasi proprio ieri al […]

Vaccini: Lopalco, in Puglia possibile rifiutare eterologa

La Puglia recepirà subito la nuova circolare del ministero della Salute che permette agli under 60 che hanno ottenuto la prima dose Astrazeneca di chiedere il richiamo sempre con Az anziché Pfizer o Moderna. Lo dichiara l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco. Quindi in Puglia sarà possibile rifiutare la vaccinazione eterologa: “Per gli […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: