Di Pierro: Clemenza per la “ragazzata” con risvolti penali e amministrativi di Silvestris

«Ho voluto verificare personalmente a che stato fosse il livello di lucidità di Sergio Silvestris. Sinceramente con grande stupore ho verificato che, come risulta dalla relazione della Polizia Municipale, il comizietto tenuto in piazza Vittorio Emanuele nei pressi del Monumento ai Caduti è stato farcito da una serie di violazioni normative di carattere amministrativo e, addirittura penale».

«Sono certo della buona fede di Silvestris che deve aver dimenticato dopo tanti anni di abbandono della vita politica come si organizzano gli eventi politici nel rispetto della legge. Al di là del merito della questione, le regole dobbiamo rispettarle tutti e più che mai chi deve dare l’esempio ai più giovani. La prossima volta studi di più perché i danni che possono fare le persone “ciucce e presuntuose” possono essere tanto gravi quanto quelli che commettono coloro che in modo disonesto e premeditato violano la legge e calpestano la “sacralità” dei luoghi pubblici, patrimonio della comunità. Non voglio immaginare i danni di Sergio Silvestris con un atto amministrativo da studiare e una penna in mano …».

ENZO DI PIERRO

Consigliere Comunale Pd

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Galizia (M5S): grazie a superbonus, 45mila aziende edili registrate in Puglia nel 2020

“Al temine di un anno durissimo, quel 2020 che sarà ricordato per lo scoppio della pandemia da coronavirus, il settore delle costruzioni grazie alla misura del Superbonus 110% voluta dal Movimento 5 Stelle, mostra la sua resilienza con un saldo positivo tra le imprese cessate e le nuove nate sia livello nazionale che regionale. Sono, […]

De Toma: “Più sostegno a favore degli studenti universitari fuori sede”

Il consigliere regionale dei giovani Alberto De Toma con il sostegno dell’associazione universitaria “Studenti Indipendenti”, scrivono al Presidente della Regione Michele Emiliano affinché la regione adotti quanto prima l’innalzamento del limite di reddito per l’utilizzo di fondi regionali, attualmente fissato a 20.000,00€ dall’art 1 comma 526 della legge 30 dicembre 2020, n. 178, a 23.000,00€ […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: