Stupro, Enzo Di Pierro difende l’Amministrazione comunale: non possiamo girare armati e andare in guerra

«In questi giorni atti criminali si sono susseguiti nella nostra città, tutti, ma proprio tutti hanno sentito il dovere di dire qualcosa, da radiocronisti, postini, allevatori, contabili, pescivendoli e azzeccagarbugli. Tutti a dire la loro ad attaccare chi amministra la città, pensando che questi si possano armare e andare in guerra.

Certo sono atti deprecabili che fanno preoccupare, ma basta guardare le cronache italiane di questi giorni, purtroppo, non vedo alcuna differenza. Sento solo parole a vanvera, credo dovute al disagio sociale al razzismo, non solo nel senso del colore della pelle, che ci stanno inculcando. Mi chiedo cosa facciamo noi cittadini per evitare tutto ciò? Come ci comportiamo? Siamo omertosi? Se la cosa non ci tocca, ci importa? Credo queste sono le domande che ci dobbiamo porre.

Però non ho sentito ancora un GRANDE GRAZIE alle forze dell’ordine che a Bisceglie hanno sventato crimini, investigato e arrestato già molti malfattori delle ultime vicende. CERTEZZA DELLA PENA, ecco cosa manca. Vicino alle vittime».

Lo scrive il consigliere di maggioranza, del Pd, Enzo Di Pierro, sulla sua pagina Facebook.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Coalizione Fata: «Angarano chieda scusa, parole gravi contro le opposizioni»

Non è nel nostro stile intromettersi nelle faccende relative ad altri schieramenti. Siamo purtroppo costretti a prendere atto delle gravi parole che il sindaco di Bisceglie in carica ha pronunciato nel corso di un’iniziativa elettorale, quando ha affermato: «Non esiste un’opposizione seria, si cerca esclusivamente di gettare fango sulle persone e sulle loro famiglie».Non possiamo […]

Amministrative, Spina: da Angarano chiacchiere, bugie e attacchi volgari

«A corto di argomenti e di sostenitori, Angarano ha inaugurato malissimo la presentazione della sua ricandidatura. Non potendo occultare i teatri e biblioteche chiusi per tutti i suoi 5 anni, i parchi comunali interdetti e chiusi al pubblico e l’assenza completa di iniziative e nuove opere o programmi, Angarano si è rifugiato nel buio della […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: