Boccia (Pd): Ridiscutere la Bolkenstein al tempo dell’e-commerce

“Chi dice ‘difendo la Bolkestein perche’ difendo il libero mercato’ non sa di cosa sta parlando. La direttiva aveva senso quando e’ stata concepita nel 2004, anche se approvata nel 2006, ma parla di un mercato interno dei servizi e di regole che non hanno piu’ molto senso al tempo del digitale o che, comunque, necessitano di essere ridefinite negli elementi fondamentali.

E il problema non riguarda solo il commercio, ma una nuova concezione di utilizzo degli spazi pubblici; penso anche a terme, stabilimenti balneari, utilizzo del suolo, per non parlare della necessita’ di affrontare il tema del dumping sociale. Il tema va affrontato dalla politica in maniera complessiva, con serieta’, non arroccandosi su posizioni oggi prive di senso. In legge di Bilancio 2018, con altri colleghi del Pd come Marco Donati che ci hanno messo la faccia, abbiamo approvato una norma che deve essere percepita per quello che e’: un utile time out.

Non devono esserci conflitti tra associazioni e politica ma solo un confronto rispettoso. Noi abbiamo messo la faccia e ci siamo assunti la responsabilita’ di fermare il caos. Ora va detto con chiarezza che la Bolkestein cosi’ com’e’ non ha piu’ senso e va modificata alle fondamenta. Serve la politica con la P maiuscola in Italia e in Europa. Gli ambulanti e i commercianti dopo questa esperienza possono dire di potersi fidare di noi. Avevamo detto che saremmo intervenuti e l’abbiamo fatto. Oggi non vi dico demagogicamente come fanno quelli che urlano e non hanno fatto niente che basta, vi indico una rotta che tutti insieme abbiamo il dovere di seguire.

Poi, potremmo dividerci ancora sulle proposte tra i diversi partiti e voi tra diverse associazioni, ma questa e’ la prova della qualita’ della nostra democrazia”. Cosi’ Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera e capolista a Montecitorio nel collegio plurinominale Puglia 02,   a Triggiano (Bari) all’assemblea di CasAmbulanti.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Zes (Zone Economiche Speciali) e le misure urgenti per Bisceglie: se ne discute in un convegno

Le ZES, Zone Economiche Speciali, sono state introdotte in Italia (decreto-legge n°91 del 20 giugno 2017, convertito in legge n°123 del 3 agosto 2017) con l’obiettivo di attrarre grandi investimenti, favorendo la crescita delle imprese già operative o la nascita di nuove realtà industriali nelle aree portuali, retroportuali, industriali e produttive, attraverso rilevanti semplificazioni delle […]

Movimento “Spazio Civico”: almeno dove ci sono le telecamere, si possono sanzionare gli incivili?

“Scusate ma il cane ha portato a spasso un proprietario di m….”; “Gioca anche tu a salta la cacca”. Sono questi alcuni cartelli presenti nella nostra città a causa della persistente inciviltà di alcuni conduttori di cani. Eppure nel 2021 il Sindaco aveva disposto con apposita ordinanza “l’obbligo di pulire immediatamente le deiezioni solide e […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: