L’appello (inascoltato) di Boccia: “Momento drammatico per il PD, stop ai conflitti”

“È un momento drammatico per il Pd e ne possiamo uscire soltanto individuando un percorso condiviso, fatto non da ricette miracolistiche ma dal ritorno del partito tra gli ultimi, nelle periferie, nel mondo del lavoro e tra i giovani che ci hanno voltato le spalle. Oggi più che mai serve unità, la dialettica in un partito vero può fare solo bene ma meglio se la si incanala in un percorso condiviso che dovrà sfociare, inevitabilmente, in tempi adeguati, in un congresso vero”. Così Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera, interviene sul dibattito in corso nel Pd.

“Il compito principale della classe dirigente di oggi del Pd, tutta responsabile del risultato, deve essere quello di riaprire il cantiere del centrosinistra italiano per riunire sotto lo stesso tetto tutte quelle personalità, a partire da Civati, che oggi con grande dignità si è dimesso da Possibile, e dai tanti che si sono allontanati in questi anni dal PD; militanti ed elettori. In questa fase c’è bisogno di tanta umiltà e tanta generosità. E anche quando con Michele Emiliano indichiamo una strada possibile, come l’appoggio esterno al M5s, per evitare che questa legislatura, che ci vedrà indiscutibilmente all’opposizione, nasca morta, è un modo per riparlare a tutti quegli elettori di centrosinistra che ci hanno voltato le spalle, facendo scelte chiare”, conclude Boccia. (ilpopulista)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Risposta Green Link parla chiaro: 30mila euro per pulire le strade durante “Libri nel Borgo Antico” e “Calici nel Borgo Antico”

«La risposta di green link è precisa. Quindi i 30 mila euro stanziati in aggiunta al canone per il centro storico sono serviti per pagare il periodo di Libri nel Borgo Antico e quello di Calici nel Borgo Antico. Il resto dell’anno il centro storico può rimanere una pattumiera? Non diamo completamente la colpa ai […]

Zes (Zone Economiche Speciali) e le misure urgenti per Bisceglie: se ne discute in un convegno

Le ZES, Zone Economiche Speciali, sono state introdotte in Italia (decreto-legge n°91 del 20 giugno 2017, convertito in legge n°123 del 3 agosto 2017) con l’obiettivo di attrarre grandi investimenti, favorendo la crescita delle imprese già operative o la nascita di nuove realtà industriali nelle aree portuali, retroportuali, industriali e produttive, attraverso rilevanti semplificazioni delle […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: