Magistrati corrotti a Trani, sotto inchiesta anche il pm Scimè e l’avvocato Ragno

Continua l’inchiesta della Procura di Lecce sugli episodi di corruzione contestati ai magistrati che operavano a Trani. Dopo i clamorosi arresti, tra gli altri, dell’ex pm Antono Savasta e del giudice Michele Nardi, è stato iscritto nel registro degli indagati anche il magistrato Luigi Scimè. A lui si aggiungono l’avvocato Giacomo Ragno, il cognato di Savasta Savino Zagaria e Martino Marancia.

Si tratta di nuovi filoni di indagine che si aprono a seguito delle dichiarazioni rese in undici interrogatori da parte di Savasta, del poliziotto Vincenzo Di Chiaro, attualmente in carcere, e dall’imprenditore coratino Flavio D’Introno, ovvero colui che avrebbe pagato i magistrati per ottenere sentenze favorevoli in vari processi.

Le nuove imputazioni formulate a carico degli indagati tutti raggiunti da avviso di garanzia, riguardano presunti episodi di corruzione, concussione, falso, calunnia, millantato credito ed estorsione. La posizione di altre otto persone, inizialmente presenti nell’elenco degli indagati al momento della notifica dell’ordinanza di arresto, è stata stralciata e nei loro confronti, scrive la Procura nelle imputazioni, “si procede separatamente”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid: 1.154 nuovi casi di contagio e 27 morti in Puglia

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano ha reso noto che oggi in Puglia, sono stati registrati 10256 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.154 casi positivi: 420 in provincia di Bari, 85 in provincia di Brindisi, 78 nella provincia Bat, 235 in provincia di Foggia, 99 in provincia di Lecce, 233 in […]

“Inidonei al servizio” e 5mila euro di multa per gli operatori sanitari che si rifiuteranno di sottoporsi al vaccino

In Puglia se gli operatori sanitari non si sottoporranno al vaccino anti-covid, verranno dichiarati inidonei al servizio “e disposta una sanzione pecuniaria sino a 5.000 euro. E tutto questo ai sensi della legge regionale 19 giugno 2018, n. 27, come integrata nella seduta di ieri, ritenuta costituzionalmente legittima dalla sentenza n. 137 del 2019, relatore Marta Cartabia, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: