2 Giugno, Bartolo Sasso (Pd): «Festa della Repubblica e della Costituzione. Per un’Italia di pace»

Il 2 giugno è la Festa della Repubblica ripristinata per forte volontà del Presidente emerito Carlo Azeglio Ciampi. Dopo il secondo conflitto mondiale e la liberazione dell’Italia dal regime nazifascista i problemi da risolvere erano tanti. Bisognava scegliere la forma dello Stato, era necessario dare al Paese una Costituzione, sottoscrivere un trattato di pace con i vincitori anglo-americani che ci consentisse di riconquistare la nostra sovranità, occorreva sfamare gli italiani, ricostruire le città devastate e distrutte dalla guerra, rimettere in moto, fra le priorità, la macchina dell’economia nazionale, scegliere tra monarchia e Repubblica.
Nel referendum costituzionale del 2 giugno 1946 il popolo italiano scelse la Repubblica. Il Re andò in esilio in Portogallo. Fu la nascita di un nuovo mondo politico, economico e sociale. Con grande impegno e passione civile, tra tensioni e distinzioni politiche, ma in piena concordia tra loro, i Padri costituenti misero a punto quel documento di norme e di regole, a cui doveva fare riferimento la neonata Repubblica democratica, che andò sotto il nome di Costituzione. Fu la Magna Charta della democrazia italiana e delle nostre libertà.
La nostra Costituzione ha posto le basi del funzionamento dell’impianto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, del potere legislativo, esecutivo e giudiziario della Nazione. Contempla principi e valori essenziali molto alti per raggiungere i traguardi di libertà, eguaglianza, giustizia e solidarietà. Questi valori costituiscono “patrimonio inalienabile della nostra civiltà. Benché l’orizzonte sia scuro di nubi, ci sorregge la fiducia nell’avvenire di libertà del popolo italiano”, disse Aldo Moro. La nostra Costituzione è nata rivoluzionaria e prefigura un intreccio nobile e significativo tra Resistenza, Repubblica e l’Europa disegnata a Ventotene. A chi oggi ci propina soluzioni pasticciate e confuse e cerca di far passare il sacro per profano diciamo che da oltre 70 anni l’Italia attraversa un lungo periodo di pace e di sviluppo. Da qualche mese, però, manifestazioni di violenza, aggressioni, scontri di piazza, perfino insulti al Pontefice, con evocazioni di un passato torbido e cupo, che sembrava sepolto, stanno avvelenando la vita quotidiana e portando turbamento nelle famiglie e nelle coscienze degli italiani. Meditiamo! Non rassegniamoci a chi “semina paure e rancore”, il Partito Democratico vuole un’Italia di pace e benessere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Di Leo: «Dall’ambiente all’imprenditoria giovanile, questo il progetto politico presentato con il candidato Spina»

«Il progetto politico presentato venerdì sera guarda al futuro della nostra città. Ambiente, imprenditoria giovanile, recupero della spesa pubblica improduttiva: tematiche che potranno essere pienamente sviluppate nei mesi successivi. Mesi in cui struttureremo il futuro utilizzo del PNRR: un’occasione che Bisceglie non può perdere e a cui l’attuale amministrazione guarda con eccessiva distrazione. Inizia così […]

Amministrative, a Villa Ciardi la candidatura di Spina: «Alternativa al disastro di Angarano»

La presentazione a VILLA CIARDI del prossimo progetto amministrativo comunale, alternativo alla “svolta” dei disastri e delle illegalità, si è contraddistinta con la presenza di centinaia e centinaia di persone emozionate dalla passione e dal calore degli interventi. Dopo l’intervento di Ada Baldini, responsabile locale de “I popolari”, è’ stata presentata la mia candidatura dal […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: