Ospedale: audizione del Sindaco Angarano in Commissione regionale Sanità

Ieri pomeriggio il Sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano è stato audito in Commissione Sanità della Regione Puglia, così come il Primo Cittadino aveva chiesto formalmente. Il Sindaco ha ribadito la richiesta di modificare la Delibera di Giunta regionale n. 1195 del 3 luglio 2019 sul piano di riordino ospedaliero, eliminando innanzitutto la chiusura del punto nascita di Bisceglie, così come emerso nel consiglio comunale monotematico tenutosi il 9 luglio scorso, nelle successive dichiarazioni pubbliche e nella seduta della III Commissione regionale del 15 luglio scorso.

“Le ragioni non hanno nulla a che vedere con il mero campanilismo ma attengono alla necessità di fare rete sul territorio”, ha detto il Sindaco Angarano in III Commissione regionale. “Bisceglie funge da cerniera tra due territori vasti, la Bat e la Città metropolitana, in una zona che comprende Comuni come Trani, Molfetta, Giovinazzo e Terlizzi, con un bacino di oltre 200mila utenti. La popolazione di Bisceglie, per giunta, aumenta sensibilmente nel periodo estivo. Il Punto nascita di Bisceglie, peraltro, come ribadito a più riprese, ha un trend in crescita, superiore a 500 parti annuali, nonostante il calo demografico che sta spingendo il Governo a rivedere le linee guida. Il Punto nascita del Vittorio Emanuele II, inoltre, ha una sala operatoria dedicata, in contatto con la rianimazione, situazione ottimale per gestire emergenze che possono sopravvenire durante il parto”.

L’audizione in terza Commissione regionale è stata l’occasione, inoltre, per sottolineare la necessità di preservare il reparto di Cardiologia. “Visto il considerevole bacino d’utenza”, ha sottolineato il Sindaco Angarano, “nelle more che possa realizzarsi l’ospedale del nord barese, nel quale continuiamo a credere, riteniamo sia fondamentale mantenere gli attuali posti letto di Cardiologia, a maggior ragione se si considerano le riduzioni dei posti letto previste per le Cardiologie dell’ospedale di strutture limitrofe. Depotenziare la cardiologia di Bisceglie potrebbe causare una criticità nel garantire i LEA, livelli essenziali di assistenza. Alla luce di tutto ciò e considerando gli investimenti che hanno riguardato il nosocomio di Bisceglie negli ultimi anni, abbiamo chiesto alla Regione, non solo di formalizzare il mantenimento del Punto nascita ma anche di lasciare invariati i posti letto di Cardiologia”, ha concluso il Sindaco Angarano.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Carceri: Galantino (FdI), solidarietà a polizia penitenziaria

“Visitando oggi le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria in servizio presso il carcere di Trani, ho portato loro la mia vicinanza per i recenti fatti accaduti che hanno visto due detenuti dare fuoco a un agente e un detenuto in possesso di una pistola tentare di uccidere uno dei loro colleghi”. Lo afferma […]

Spina: «I soldi dei cittadini usati come bancomat?»

«Con determina dirigenziale del 22 settembre, l’amministrazione Angarana preleva dal fondo di riserva 30 mila euro e li trasferisce al gestore del servizio di igiene urbana, il cui contratto scade il 30 settembre 2021, per non precisati e definiti “servizi aggiuntivi”. Il dirigente è’ ben attento, naturalmente, a non elencare o indicare questi pseudo servizi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: