Ospedale: audizione del Sindaco Angarano in Commissione regionale Sanità

Ieri pomeriggio il Sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano è stato audito in Commissione Sanità della Regione Puglia, così come il Primo Cittadino aveva chiesto formalmente. Il Sindaco ha ribadito la richiesta di modificare la Delibera di Giunta regionale n. 1195 del 3 luglio 2019 sul piano di riordino ospedaliero, eliminando innanzitutto la chiusura del punto nascita di Bisceglie, così come emerso nel consiglio comunale monotematico tenutosi il 9 luglio scorso, nelle successive dichiarazioni pubbliche e nella seduta della III Commissione regionale del 15 luglio scorso.

“Le ragioni non hanno nulla a che vedere con il mero campanilismo ma attengono alla necessità di fare rete sul territorio”, ha detto il Sindaco Angarano in III Commissione regionale. “Bisceglie funge da cerniera tra due territori vasti, la Bat e la Città metropolitana, in una zona che comprende Comuni come Trani, Molfetta, Giovinazzo e Terlizzi, con un bacino di oltre 200mila utenti. La popolazione di Bisceglie, per giunta, aumenta sensibilmente nel periodo estivo. Il Punto nascita di Bisceglie, peraltro, come ribadito a più riprese, ha un trend in crescita, superiore a 500 parti annuali, nonostante il calo demografico che sta spingendo il Governo a rivedere le linee guida. Il Punto nascita del Vittorio Emanuele II, inoltre, ha una sala operatoria dedicata, in contatto con la rianimazione, situazione ottimale per gestire emergenze che possono sopravvenire durante il parto”.

L’audizione in terza Commissione regionale è stata l’occasione, inoltre, per sottolineare la necessità di preservare il reparto di Cardiologia. “Visto il considerevole bacino d’utenza”, ha sottolineato il Sindaco Angarano, “nelle more che possa realizzarsi l’ospedale del nord barese, nel quale continuiamo a credere, riteniamo sia fondamentale mantenere gli attuali posti letto di Cardiologia, a maggior ragione se si considerano le riduzioni dei posti letto previste per le Cardiologie dell’ospedale di strutture limitrofe. Depotenziare la cardiologia di Bisceglie potrebbe causare una criticità nel garantire i LEA, livelli essenziali di assistenza. Alla luce di tutto ciò e considerando gli investimenti che hanno riguardato il nosocomio di Bisceglie negli ultimi anni, abbiamo chiesto alla Regione, non solo di formalizzare il mantenimento del Punto nascita ma anche di lasciare invariati i posti letto di Cardiologia”, ha concluso il Sindaco Angarano.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

La Notte: «Angarano, a che punto siamo con la realizzazione del programma elettorale del 2018?»

«Sono francamente deluso dalle parole del primo cittadino che ha utilizzato nei miei confronti, solo per aver voluto dare ulteriori osservazioni ai nostri imprenditori e cittadini in relazione alla Legge Regionale 11/2022, su cui ho fornito i miei suggerimenti e che ho votato favorevolmente. Forse, il Primo cittadino dimentica una cosa importante: l’obiettivo di noi […]

Nuove case popolari in zona Crosta, Sindaco: 20 alloggi scorrendo le graduatorie

Nella mattinata di martedì 4 ottobre, il Sindaco Angarano ha effettuato un sopralluogo sul cantiere per la costruzione di nuove case popolari di via Crosta. «Venti nuovi alloggi -scrive il Primo cittadino- che saranno assegnati scorrendo la graduatoria approvata dalla nostra amministrazione. In pochi anni, malgrado la pandemia, abbiamo sbloccato tante procedure burocratico-amministrative che erano […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: