“Paziente 1” della Bat lancia raccolta fondi: aiutiamo i medici a salvarci. E già è a10mila euro

“Paziente 1” della Bat lancia raccolta fondi: aiutiamo i medici a salvarci. E già è a10mila euro

28 Marzo 2020 0 Di ladiretta1993

Dal letto dell’ospedale dove è tuttora ricoverato, il “paziente 1” della nostra provincia Bat   lancia una raccolta fondi per dare un aiuto a medici e infermieri. Il soggetto affetto da Covid-19, Carlo Crescente, di 47 anni, è sposato con Annamaria ed è il padre di due bambini, Carmela Carola ed Emmanuele Giorgio. Ai primi sintomi si è messo in auto-isolamento a casa per una settimana, controllato dal medico di famiglia. Ma, poi, il 2 marzo è stato ricoverato all’ospedale di Bisceglie, dove è risultato positivo al Covid-19.

A raccontare l’iniziativa nata per mettere in condizioni i medici dei nostri ospedali di lavorare meglio, è il quotidiano “La Repubblica”. «Il suo obiettivo -scrive “Repubblica”-  è raccogliere soldi per sostenere il lavoro dei dottori, degli infermieri, degli Oss e di tutta l’equipe che si prende quotidianamente cura di lui. Li chiama “angeli senza volto”, perché li vede sempre protetti dai dispositivi di protezione individuale».

Carlo, non potendo promuovere in prima persona l’iniziativa, ha chiesto aiuto al fratello Domenico e allo studio di comunicazione ‘Il riscatto delle cicale’ di Monopoli, ed è partita una campagna di raccolta fondi su GoFundMe, che nel giro di due giorni ha già accumulato più di 10mila euro. #uscirnesipuò è l’hashtag che accompagna l’operazione, che lo stesso Crescente definisce un “manifesto di amore di una Italia che lancia il suo via dalla Puglia”.
La campagna di GoFundMe è associata anche al sito http://www.uscrinesipuo.it, e a un’omologa pagina Facebook.
Annunci