Di Leo (Bisceglie d’Amare): salviamo i commercianti, Tari al 25% per il 2020

«Caro Sindaco Angarano e amministratori tutti, dopo aver condiviso tale documento con il direttivo di Bisceglie D’amare, ritengo utile informarvi che è stata pubblicata sul sito dell’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), la delibera 158/2020 che reca le indicazioni utili per attuare misure volte a mitigare gli effetti delle limitazioni, introdotte dai provvedimenti normativi adottati per contrastare l’emergenza da Covid-19, sulle diverse utenze>>. Inizia così Marco Di Leo, candidato nella lista civica Bisceglie d’Amare alle ultime elezioni amministrative del 2018.

<<Tali misure di tutela, rivolte in particolar modo alle utenze non domestiche (presenti nell’allegato della Delibera) prevedono, nell’ambito della disciplina dei corrispettivi applicabili alle utenze del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati, alcuni fattori di rettifica che tengono conto della minore quantità di rifiuti prodotti in ragione della sospensione delle relative attività.

 

Questo documento consente alle amministrazioni comunali di applicare lo sconto del 25% alla quota variabile del tributo TARI che dovrebbe misurare l’utilizzo del servizio in base al principio “chi inquina paga”. Tutte le utenze non domestiche interessate dai diversi Dpcm emanati a seguito della dichiarazione dello stato di emergenza (bar, ristoranti, parrucchieri, negozi di abbigliamento) potrebbero essere incluse. La riduzione della TARI dovrà essere proporzionale ai giorni di chiusura e l’individuazione di quest’ultimi, “sulla base dei quali applicare il fattore di correzione”, spetterà all’ente territorialmente competente.

Per le imprese e gli studi professionali che, invece, hanno chiuso spontaneamente, la riduzione della TARI è facoltativa. In questo caso, le autorità competenti possono decidere la presenza o meno delle agevolazioni e l’identificazione del loro funzionamento: l’unica indicazione è che i tagli in bolletta siano commisurati ai minori quantitativi di rifiuti prodotti. La riduzione facoltativa della Tari si può eventualmente ottenere attestando il periodo di chiusura dell’attività e documentando “la minore produzione di rifiuti”.

Ritengo che il Sindaco Angarano debba attivarsi immediatamente e porre a favore delle realtà interessate dall’allegato un piccolo salvagente, sperando che questa nostra segnalazione venga presa in seria considerazione. Il tessuto economico e commerciale di una città non ha colore politico ma è la linfa della città stessa», scrive Di Leo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Scuola, Boccia: parole Valditara gravissime, no regionalizzazione della scuola e alzare tutti gli stipendi

“Sono gravissime le dichiarazioni del Ministro Valditara che, anziché affrontare problemi reali come la dispersione scolastica e il potenziamento della scuola, propone stipendi differenziati per i docenti, salvo poi, anche stavolta, rimangiarsi tutto dopo che la polemica è scoppiata. Le sue parole non mi stupiscono perché si legano naturalmente al tentativo di sempre del Presidente […]

Amministrative, altri cinque anni con Angarano: domenica la presentazione ufficiale della sua candidatura

Domenica 29 gennaio alle ore 11 al Politeama Italia, in via Montello 2, il Sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano presenterà la sua ricandidatura, che vedrà come primo step quello delle primarie di coalizione fissate il prossimo 12 marzo. La Cittadinanza è invitata a partecipare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: